Dove trovare sciami di lucciole

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le lucciole o Lampiridi appartengono alla famiglia dei coleotteri. Hanno un aspetto larviforme ed i segmenti addominali del corpo minuto producono la famosa luce. Il fenomeno prende il nome di bioluminescenza e rende speciali le notti d'estate. Al mondo esistono più di 2000 specie diverse, due delle quali anche in Italia. Tuttavia, l'inquinamento ed i pesticidi stanno distruggendo il loro habitat naturale. Pertanto, solo pochi fortunati possono trovare e vedere interi sciami di lucciole. Dove? Leggi la guida per maggiori informazioni e lasciati incantare da uno spettacolo unico ed emozionante.

26

Occorrente

  • Pazienza
  • Amore e rispetto per la natura
  • Luoghi umidi e caldi
36

Le lucciole sono dei coleotteri dalla vita breve. Vivono due anni e si nutrono di lumache e chiocciole. I maschi sono molto differenti dalle femmine. Prediligono gli ambienti caldi ed umidi. Di solito, è possibile avvistare interi sciami nelle sere d'estate, in una zona tranquilla ed in prossimità di fiumi, laghi o sorgenti. I maschi possiedono le ali ed amano le fonti d'acqua, mentre le femmine preferiscono i rami degli alberi, le foglie o le siepi.

46

Le lucciole sono molto sensibili all'inquinamento atmosferico. Pertanto, gli sciami sono visibili in ambienti sani e puliti. Si osservano in particolare tra giugno e luglio, durante la riproduzione. La luce, emessa da alcuni segmenti addominali, è fredda e ad intermittenza. L'ossidazione della luciferina avviene in presenza di ossigeno ed attira il sesso opposto. La femmina risponde al richiamo con un'intermittenza differente. In questa fase, potrai trovare stupefacenti sciami di lucciole. Di solito, il maschio muore dopo l'accoppiamento. La femmina dopo 2 giorni e quindi successivamente alla deposizione delle uova (anch'esse luminescenti).

Continua la lettura
56

Gli sciami di lucciole popolano principalmente l'Europa centrale, atlantica ed il Caucaso. Si possono trovare anche nel continente Asiatico ed in America del sud, in particolare in Cina, Giappone, Brasile, Argentina e Cile. Nelle campagne giapponesi, le lucciole vengono chiuse in gabbie di zanzariera per vegliare il sonno dei bambini. Anche nel continente Oceanico, grazie al clima, è possibile trovare diversi sciami di lucciole, ad esempio in Australia, Tasmania o Nuova Zelanda. In Italia, infine, potrai osservarle nella vastissima Pianura Padana, e nelle Regioni meridionali come Calabria e Sicilia. In ogni caso, non toccarle. Rischieresti solo di danneggiarle. Sono insetti ormai in via di estinzione, pertanto lasciale libere e rispettale il più possibile.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Le lucciole si trovano in luoghi umidi e caldi, in prossimità di sorgenti, torrenti, fiumi, tra le foglie o le siepi. Se ne trovi qualcuna non toccarla. Rischieresti di danneggiarla. Ammira lo spettacolo, scatta foto interessanti, ma non catturarle.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come e dove cercare le lumache

L'autunno è un periodo dell'anno molto particolare: in questa stagione, infatti, la terra dà il meglio di sé, offrendo dei frutti molto profumati e di gran gusto. In questa fase dell'anno, in particolare, abbiamo la possibilità di gustare le migliori...
Invertebrati e Insetti

Come tenere le formiche lontane dal cibo per animali

Avere degli animali domestici rappresenta un'autentica necessità per molti di noi. Cani, gatti ma anche altre creature sono presenze che ci offrono affetto incondizionato e compagnia. Molte case però hanno un problema molto comune in primavera/estate....
Invertebrati e Insetti

Come allevare un ragno australiano

Esistono circa 40.000 specie di ragno australiano diverse conosciute e le loro abitudini di allevamento non sono tutte uguali. Alcuni rituali di accoppiamento si concludono nella violenza, mentre altri concludono con il maschio e la femmina che continuano...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere il ragno violino

Il ragno violino, scientificamente chiamato Loxosceles reclusa, è sicuramente uno dei più temuti in assoluto. Il suo habitat naturale è generalmente l'America settentrionale. Tuttavia, anche in quei luoghi in cui la loro presenza è massiccia, i morsi...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere una zanzara tigre

La famigerata zanzara tigre, la quale ci fa visita puntualmente ogni anno con la bella stagione, pare provenga dal continente asiatico. Individuare questo tipo di insetto è piuttosto facile, considerando la sua caratteristica colorazione. Purtroppo però...
Invertebrati e Insetti

Come eliminare le blatte dalla cucina

Con il caldo purtroppo arrivano spesso anche insetti poco graditi. Tra questi ci sono sicuramente le blatte, animali infestanti e certamente poco igienici. Riescono a intrufolarsi dappertutto, sono veloci ed escono solo la notte. Può capitarci, quindi,...
Invertebrati e Insetti

Come fare per contrastare lumache e chiocciole

Quando la primavera è già arrivata e la natura inizia nuovamente il suo ciclo vitale ecco apparire i primi insetti e animaletti da orto e giardino che cercano cibo. Anche le lumache si alimentano con le foglie delle piante e quindi le rendono di un...
Invertebrati e Insetti

Come allevare bachi da seta

L'Italia fu il maggior produttore di seta dal 1200 fino alle grandi guerre mondiali, che portarono a una drastica diminuzione della lavorazione del baco. Molto importanti furono le corporazioni che praticavano l'arte della seta a Firenze. Il settore...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.