Gatto abbandonato: come comportarsi

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Forse non è una cosa che capita tutti i giorni, ma quando accade è un fatto che ci tocca nel profondo: l'abbandono di un animale. I gatti, in particolare, sono animali molto sensibili che hanno bisogno di affetto e calore. Per tale motivo, quando vediamo un gatto capiamo subito se è stato abbandonato dalla mamma o peggio da qualche padrone insensibile. Cercano infatti di avvicinarsi a noi e strapparci qualche carezza o gesto di affetto. In questa guida infatti vedremo proprio come comportarsi quando accadono situazioni del genere.

24

Cosa fare se si trova un gattino in strada

La prima cosa da valutare, sia che decidiamo di tenerlo con noi o meno, è quella di assicurarsi che il micio sia davvero in stato di abbandono. I gatti sono dei girovaghi, non è raro che si allontanino da casa per fare delle passeggiate, perciò è bene informarsi nei dintorni se qualcuno riconosce il gatto. Se invece è un micio piccolino, non tocchiamolo e attendiamo di vedere se si fa viva mamma gatta, è meglio non toccarlo, perché se la gatta torna e sente il nostro odore sul piccolo è facile che non lo prenda più con sé. Se passata qualche ora, il gattino è ancora lì, possiamo ragionevolmente pensare che si tratti di un gatto abbandonato.

34

Cosa fare se si decide di portarlo in casa

Prima di portarlo a casa è bene assicurarsi che non abbia problemi evidenti come micosi o parassiti, soprattutto se in casa con noi vivono già altri animali. Se notiamo qualcosa, portiamolo subito dal veterinario, cosa che sarebbe bene fare comunque anche se non dovesse presentare segni di malattie. Se il micio è ancora molto piccolo, va tenuto al caldo ad una temperatura di circa 30°. Procuriamoci anche del latte apposito per gattini, andrà somministrato ogni 2/3 ore, anche di notte, con un piccolo biberon o con una siringa senza ago. Se il gatto vivrà in casa, procurategli una cassettina per i bisogni e, per quanto riguarda il cibo, potrete nutrirlo con mangime secco o umido reperibile in qualsiasi supermercato o negozio di animali. Procurategli infine qualche giochino e un tiragraffi, per evitare che si "faccia le unghie" su divani o mobili di casa.

Continua la lettura
44

Cosa fare se non lo si può adottare

Se non avete la possibilità di adottarlo potete, al fine di trovargli una sistemazione, contattare i vigili urbani, un gattile o qualsiasi associazione che si occupi di questi casi. Con una breve ricerca in Internet, potrete trovare gli enti che opera nel vostro territorio. Colui o colei che si prendono cura di questi animali, possono richiedere formale riconoscimento della propria opera (gratuita e volontaria) al Comune, che insieme all'Asl, deve garantire le norme igienico sanitarie e la sterilizzazione gratuita di tutti i gatti appartenenti alle colonie feline del territorio di competenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come comportarsi di fronte a un cane randagio

Gli animali sono creature che dialogano in modo diverso dall'uomo, sia tra loro che con l'uomo stesso. A volte basta uno sguardo, un piccolo lamento o un segnale per far trapelare amore, nervosismo, dolcezza, felicità. Il rapporto con gli animali i basa...
Gatti

Come prendersi cura di un gatto abbandonato

La scelta di adottare un animale è un passo molto importante in quanto il cucciolo scelto entrerà a far parte della famiglia. Tra gli animali domestici più conosciuti vanno annoverati senza dubbio i cani e i gatti: questi ultimi spesso vengono abbandonati...
Cani

Cosa fare quando si trova un cane abbandonato

Purtroppo quando arriva la bella stagione, sulle strade e nelle varie campagna si possono incontrare degli animali domestici abbandonati dai loro padroni per negligenza o cattiva volontà di accudirli. Il primo impatto sicuramente è quello di fermarci...
Gatti

Come accogliere un cucciolo di gatto

Gli animali domestici portano tanta allegria nelle nostre case e ci permettono di fare un'esperienza davvero unica. Molto spesso queste povere bestioline vengono abbandonate da coloro che non sono in grado di prendersene cura. Sicuramente vi sarà capitato...
Cura dell'Animale

5 cose da fare quando si trova un cane o un gatto abbandonato

Molto spesso ci si imbatte in ritrovamenti che stringono il cuore. È il caso di quando si trova un cane o un gatto abbandonato. In questi casi, occorre utilizzare la strategia migliore per affrontare la situazione nel modo più giusto. Siate innanzitutto...
Cani

Cani abbandonati: cosa fare

In Italia purtroppo, il fenomeno dell'abbandono è ancora troppo diffuso. A tal proposito esistono campagne di sensibilizzazione che vanno avanti dagli anni '80, cercando di arginare il fenomeno. Negli ultimi anni questa spregevole abitudine si sta via...
Gatti

Come accudire un gattino di pochi giorni che ha perso la mamma

Purtroppo ogni tanto capita di trovare un piccolo gattino rimasto solo. Questo può essere causato da più di un motivo: qualcuno lo ha abbandonato, la mamma lo ha perso oppure lo ha abbandonato perché debole. Come comportarsi allora in questi casi?...
Gatti

Come comportarsi quando il gatto porta regali indesiderati

Il gatto caccia per un istinto di sopravvivenza che possiede fin dalla nascita. Per i gatti randagi è una necessità, dato che non hanno cibo a disposizione ed altrimenti morirebbero di fame, mentre per gli altri è soltanto un passatempo col quale dimostrano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.