Gatto: come fare quando ha la congiuntivite

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il vostro gatto vi accoglie appena tornate a casa da lavoro con coccole e fusa. Si struscia sui vostri piedi quando state cucinando. Vi si accoccola sulla pancia quando state male. Perciò se ora è il vostro piccolo micio a stare male, dovete icambiare il favore e prendervene cura. Uno dei problemi più comuni dei gatti è la congiuntivite. Si tratta di un'infezione dell'occhio che può essere molto fastidiosa, nell'uomo come nel gatto. Presa per tempo, però, è facilmente curabile. Vediamo allora come fare quando il vostro gatto ha la. Congiuntivite!

27

Occorrente

  • Camomilla
  • cotone sterile
  • Acqua calda
  • Medicinali appositi
37

Cosa è

La congiuntivite si sviluppa soprattutti nel gatto con un sistema immunitario debole. L'organismo non combatte adeguatamente contro gli attacchi batteriali o virali. Per prevenirla è quindi importante alimentare il gatto con supplementi vitaminici e minerali. In questo modo, le difese si rafforzano per un'immediata risposta. Anche i graffi possono favorire la congiuntivite. Durante il gioco, infatti, il gatto potrebbe graffiarsi l'occhio e generare l'infestazione dei batteri. Pertanto, va trattata immediatamente con una borsa di camomilla fredda sulla zona oculare. Questo semplice rimedio naturale calmerà il prurito e l’irritazione. Il vostro gatto avrà un sollievo istantaneo, ma non basta.

47

Come diagnosticarla

Il cucciolo di gatto manifesta la congiuntivite frequentemente. Soprattutto quando vive prevalentemente all'esterno ed è a contatto con altri animali. La patologia oculare viene provocata da virus respiratori. Questi virus si moltiplicano e generano l’irritazione. Vedrete l'occhio del vostro gatto irritato e gonfio. A volte ci sono anche delle perdite giallognole intorno all'occhio. Per curare la congiutivite del gatto usate colliri antibiotici di ampio spettro. Ottimi i lavaggi abbondanti all’occhio del gatto e la rimozione giornaliera delle crosticine. Gli occhi vanno mantenuti sempre puliti. In alcuni casi, è necessario il trattamento con antibiotici orali o colliri antinfiammatori ed antivirali.

Continua la lettura
57

Come curarla

La lacrima sull’occhio del gatto con congiuntivite è un liquido per lubrificarlo e difenderlo. Dunque ha una funzione protettiva. Tuttavia, lo strofinio continuo con la zampetta aumenta il dolore, il prurito e l'infezione. Pertanto, bisogna pulire sistematicamente la zona oculare con acqua abbondante preferibilmente fredda ed un batuffolo di cotone sterile. Inoltre, sono indispensabili degli antinfiammatori orali o iniettati. Dovrebbero sortire effetto in poche ore. Impediscono inoltre l'estensione della congiuntivite in altre zone. Ovviamente, se la congiuntivite non dovesse passare, portate il vostro gatto da un veterinario.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evitate che il vostro gatto entri in contatto con altri animali mentre è malato

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come curare la congiuntivite al pappagallo

Le nostre case accolgono diversi tipi di animali domestici, che sono entrati, ormai da anni, a far parte della famiglia, considerati a pieno titolo amici e componenti del nucleo. C' è chi sceglie un cane, ritenendolo il più fedele tra gli amici a quattro...
Cani

Come mettere il collirio al cane

I motivi per cui mettere il collirio al cane sono molti e diversi tra loro. Si parte dalle patologie più frequenti e meno serie fino ad arrivare a quelle più rare ma molto più gravi per la salute del nostro cane. Di solito bisogna mettere il collirio...
Gatti

Come fare se il gatto ha l'occhio infiammato

Se stiamo decidendo di adottare un animale, la cosa più importante prima di procedere con l'adozione sarà quella di capire se saremo veramente in grado di prenderci sempre cura del nostro nuovo amico, garantendoli sempre tutte il cibo di cui ha bisogno...
Volatili

Malattia dell'occhio del canarino: sintomi e terapia

Il canarino, un uccellino domestico solitamente di colore giallo, prende il nome dalle isole Canarie, luogo da cui proviene. Prendersi cura di un canarino è relativamente poco impegnativo, ma a volte esso può manifestare una malattia infettiva, chiamata...
Cani

Patologie oculari nei cani: cosa fare

Molte persone possiedono a casa propria un amico a quattro zampe e, potrebbe capitare che gli occhi del cane necessitino di cura, quindi bisogna fare molta attenzione ed essere in grado di capire se il proprio animale sta bene ancor prima di chiamare...
Rettili e Anfibi

5 segnali dell'ipovitaminosi nelle tartarughe

Tra le malattie che possono colpire le tartarughe domestiche, l'ipovitaminosi è una delle più comuni. Con questo termine è denominata una patologia dovuta alla carenza di vitamina A nell'organismo delle testuggini. Ad esserne maggiormente colpiti sono...
Cani

Come accudire un cucciolo di maltese

Il maltese è un cane originario della zona mediterranea. Questo genere di cane, infatti, un tempo veniva utilizzato come una sorta di scaccia topi dalle stive delle navi oppure dalle banchine dei porti. Nell'antichità era il preferito dell’aristocrazia...
Cani

Come fare se il cane ha l'occhio infiammato

Tutti coloro che possiedono un cane sanno perfettamente che il proprio amico peloso necessita non solo di affetto e di gioco, ma anche di attenzioni e cure specifiche (comprendenti sia necessità fisiologiche, che toelettatura, alimentazione, e controllo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.