Gatto depresso: come riconoscere i sintomi e cosa fare

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

All'interno di questa guida, discuteremo un argomento molto particolare: i sintomi e i segnali che ci indicano e ci aiutano a capire se il nostro gatto è depresso. Anche gli animali possono passare dei periodi bui e questo viene spesso notato se, con il gatto, si vive a stretto contatto sotto lo stesso tetto. Nei successivi passi quindi, sono riportati alcuni suggerimenti che vi permetteranno di riconoscere i sintomi della depressione, ed oltre a ciò, vi consiglierò cosa fare per renderlo più felice ed alzargli il morale. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • Piatti gustosi
  • Gesti affettuosi
  • Carezze
36

Innanzitutto, uno dei segnali più evidenti risulta essere l'inaspettata ed improvvisa apatia del gatto. In particolar modo, se il gatto solitamente è particolarmente vivace, l'improvvisa apatia potrebbe essere un sintomo attribuibile alla depressione. Un secondo sintomo che può farvi capire qual è lo stato emotivo attuale del gatto, è la sua inappetenza. Inoltre, se il gatto dorme per la maggior parte della giornata (anche se i gatti, di solito, dormono per tantissime ore, ma qualche ora in più potrebbe significare un'esagerazione), o comunque resta sempre accucciato ed è in stato di apatia totale, si è ammalato o è in piena depressione.

46

Le cause della depressione possono essere le più disparate e sono, comunque, molto simili alle circostanze che fanno cadere in depressione anche gli uomini. La perdita improvvisa di un affetto (se per esempio, il gatto viveva assieme ad un altro gatto o addirittura insieme ad un cane, l'improvvisa perdita potrebbe causare in lui degli stati di profonda depressione), il trasloco o lo spostamento in una casa diversa, o anche l'abbandono del padrone, anche se si tratta di poco tempo (ad esempio, quando si affidano i gatti ai gattili o ad alcuni amici o parenti durante le vacanze estive, le vacanze di natale o per qualsiasi altro motivo che vi costringe all'abbandono momentaneo).

Continua la lettura
56

Ad ogni modo, qualsiasi essa sia la causa, dopo aver consultato un veterinario ed accertato che il gatto soffre esclusivamente di un momentaneo stato depressivo e non si tratta di qualche stato di indisposizione dell'animale, potrete adottare il metodo di "recupero", ossia una cura del tutto naturale e istintiva. Anche se il gatto di solito non è particolarmente affettuoso, accarezzatelo dolcemente e delicatamente sulla testolina, in modo da fargli percepire la vostra presenza e vicinanza, fatelo sentire amato e coccolato. Se è inappetente, offritegli alcuni cibi di cui va goloso, scegliendo degli alimenti tiepidi e profumati, così facendo risveglierete il suo desiderio di cibarsi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

I più comuni sintomi di malattie nei cani

Osservare il comportamento dei nostri cani è sicuramente il modo migliore per capire immediatamente se qualcosa non va. Ogni piccolo sintomo va preso seriamente in modo da curare sin dal principio ogni disturbo. Eviteremo così un peggioramento oppure...
Altri Mammiferi

Le più comuni patologie equine

Le patologie equine sono quelle malattie che colpiscono i cavalli tramite un vettore, come una zanzara e, successivamente, possono essere trasmesse non solo da cavallo a cavallo ma, in rari casi, anche dal cavallo all'uomo. I cavalli possono essere vaccinati...
Animali da Compagnia

Le più comuni patologie del cane

Il cane è un animale generalmente molto forte e resistente, ma anche lui può ammalarsi in modo più o meno grave. Per fortuna molte malattie vengono scongiurate dai vaccini, ma a volte non basta. Alcune patologie purtroppo colpiscono ugualmente i nostri...
Cani

Come capire se il tuo cane è felice

Possedere un animale domestico obbliga il padrone coscienzioso ad assumere una serie di doverosi e responsabili comportamenti verso l'animale, in modo da farlo vivere in armonia con la famiglia, curando anche i minimi dettagli. Tutto ciò si deve verificare,...
Volatili

Come capire se il pappagallino sta male

Scegliendo di portare in casa un pappagallo, ci si fa carico anche della grossa responsabilità di mantenerlo e prendersene cura nel migliore dei modi. E per quanto questo sia vero per tutti gli animali da compagnia, per i pappagalli diventa ancora più...
Gatti

10 luoghi comuni sulla sterilizzazione del gatto

Niente paura, voi che siete padroni di gatti. La sterilizzazione del micio è divenuto un intervento ormai di assoluta routine. Anzi, quasi doveroso, si direbbe. E non solo per evitare il triste fenomeno del randagismo felino, ma anche per far godere...
Cani

Come curare il raffreddore al cane

I cani, proprio come gli esseri umani, possono contrarre il raffreddore, detto anche rinite. È un'infiammazione della mucosa nasale provocata da un gruppo di virus, chiamati Rhinovirus, e si può curare in pochi giorni. Bisogna però fare attenzione...
Animali da Compagnia

Le più comuni patologie del furetto

Il furetto è un piccolo animale grazioso e simpatico che rappresenta una originale ed allegra alternativa per chi desidera prendersi cura di un piccolo animale domestico ma non vuole adottare un gatto, un cane o un pesce rosso. Il furetto, però, è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.