Gli animali che vanno in letargo in autunno

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il mondo naturale è senza dubbio qualcosa di affascinante, da cui non si smetterà mai di imparare qualcosa. Gli animali, ad esempio, non sono tutti uguali, ed oltre alle distinzioni più generali tra mammiferi, uccelli e rettili, si può individuare la categoria degli animali che vanno in letargo. In un determinato periodo dell'anno, in molti casi l'autunno o comunque quando le temperature iniziano ad irrigidirsi, molti animali iniziano ad essere sempre meno visibili a causa del letargo. A tal proposito, nei passi successivi, sono riportate tutte le informazioni da sapere sugli animali che vanno in letargo in autunno.

24

Formica

Anzitutto, il letargo è essenzialmente una condizione biologica in cui le funzioni vitali di alcuni mammiferi e animali a sangue freddo vengono ridotte al minimo. Ad esempio, il battito cardiaco, il respiro, il metabolismo e la temperatura corporea cambiano, poiché rallentano e si abbassano notevolmente. Questo accade perché gli animali si devono adattare ai climi più freddi: alcuni migrano in paesi più caldi per tutta la stagione invernale (per poi riapparire con i climi più miti), mentre altri si ricavano una tana e si addormentano per alcuni mesi. Un animale che d'estate si vede ovunque mentre d'inverno sparisce del tutto, è la formica: questo piccolissimo animale lavora duramente per tutta la stagione calda, procurandosi del cibo da stipare all'interno dei formicai come scorta per l'inverno.

34

Ricci e ghiri

I ricci e i ghiri sono due animali che per eccellenza sono conosciuti come animali dormienti, proprio perché vengono collegati alla loro condizione invernale di letargo. Questi due piccoli animali si rinchiudono nella loro tana arrotolandosi su sé stessi. In particolare, il ghiro utilizza la sua coda come una sorta di coperta, per poi dormire in maniera continuativa per 6 mesi, senza mai svegliarsi.

Continua la lettura
44

Vipera

La vipera o la biscia, invece, sono soliti andare in letargo quando le temperature si abbassano, mentre ritorneranno a strisciare tra i prati con le prime giornate primaverili. Anche gli orsi, le tartarughe, i roditori, le chiocciole e i pipistrelli vanno in letargo nel periodo invernale. Tra questi animali di cui abbiamo parlato, bisogna suddividere quelli che vanno in un letargo completo rispetto a quelli che durante l'inverno si svegliano per mangiare le scorte accumulate. Fanno parte della prima categoria comportamentale ad esempio le tartarughe, mentre della seconda fanno parte gli scoiattoli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Regole da rispettare per garantire un buon letargo alla tartaruga

Le tartarughe sono degli esseri viventi che vanno in letargo ogni anno, ed in determinati periodi a seconda del luogo e del clima in cui vivono. Se dunque in casa abbiamo uno di questi esemplari, è importante consentirgli di andare in letargo, seguendo...
Cura dell'Animale

Come comportarsi durante il letargo delle tartarughe

Le tartarughe, seguendo l'esempio di altri animali che vivono in ambienti temperati, durante la stagione invernale devono ritirarsi in letargo per non rischiare di avere, successivamente, problemi legati al metabolismo. Con l'arrivo della primavera riprenderanno...
Cura dell'Animale

Guida ai principali animali onnivori

Gli animali hanno conquistato il dominio del pianeta grazie all'adattabilità del comportamento e alle notevoli capacità di movimento. A secondo del cibo di cui si nutrono, essi si classificano in tre grandi gruppi: carnivori, erbivori e onnivori. Mentre...
Cura dell'Animale

Viaggiare con gli animali: consigli utili

Prima di metterci in viaggio ci sono molto cose da programmare, non solo quelle che riguardano noi ma anche i nostri amici a quattro zampe. Chi ha degli animali domestici difficilmente se ne separa. Consideriamo che però per spostamenti di pochi giorni...
Cura dell'Animale

Come avviene il fenomeno della migrazione degli animali

La migrazione rappresenta uno spostamento di un qualsiasi essere, da quella che è la sede abituale verso un'altra, che risulti essere più congeniale ed adeguata a delle nuove necessità. Il fenomeno della migrazione caratterizza molte specie animali...
Cura dell'Animale

Come denunciare chi maltratta animali

Tante volte si parla di maltrattamento degli animali. Escono e vengono emanate leggi su leggi per la loro prevenzione perché molte volte vengono maltrattati e lasciati a morire. Si sente parlare di abbandono di animali, di animali da laboratorio che...
Cura dell'Animale

Come sostenere gli animali abbandonati

In questa guida andrete a vedere come sostenere gli animali abbandonati. Ultimamente, infatti, è sempre più frequente questo argomento. Li animali non si devono abbandonare o in loro si instaurerà un comportamento insolito. Si tratta di trauma post-abbandono....
Cura dell'Animale

10 modi per aiutare gli animali abbandonati

A tutti, purtroppo, sarà capitato di imbattersi in animali abbandonati. Oltre 70.000 sono gli animali che vengono abbandonati durante l'anno, con picchi nella stagione estiva. Ma come comportarsi quando ritroviamo un simpatico cagnolino o un gattino...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.