Guida a una corretta alimentazione del gatto

Tramite: O2O 21/08/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

Avere un animale domestico non significa solo avere un amichetto peloso da coccolare e con cui giocare. L'amico a quattro zampe ha anche bisogno di cure. E questo vale indistintamente per il gatto e per il cane. Gatto e cane però hanno una struttura fisiologica diversa che richiede accortezze distinte. Il gatto, in particolare, essendo un animale indipendente, si pensa non abbia particolari necessità. Niente di più sbagliato! Anche per il gatto infatti vanno seguite ad esempio regole ben precise nell'alimentazione. Ed è proprio di questo che ci occuperemo in questa guida. Una buona alimentazione influirà positivamente sulla salute del nostro felino e garantirà una più alta prospettiva di vita.
Di seguito cercheremo di dare alcune dritte per una corretta alimentazione del gatto.

28

Occorrente

  • Croccantini
  • cibo in scatola o in busta
  • piano alimentare del veterinario
38

I consigli del veterinario

Soprattutto se è la prima volta che si ha un gatto, si potrebbe essere impreparati. È bene però non fare di testa propria. Pensando di fare il bene del micio alimentandolo magari con qualsiasi cibo potrebbe essere un errore, e riversarsi in maniera negativa sulla sua salute. Meglio dunque affidarsi a un esperto che ci indirizzi verso un'alimentazione corretta. Non resta dunque che scegliere un veterinario di fiducia. I consigli di un veterinario si riveleranno senz'altro molto utili nel breve e nel lungo termine. Egli può stabilire infatti un piano alimentare "ad hoc" da seguire quotidianamente. Gli elementi che prenderà in considerazione per poterlo preparare saranno certamente l'età del gatto, il peso, l'attuale stato di salute e, in alcuni casi, anche la razza di appartenenza. Il veterinario ci spiegherà quali dovranno essere gli apporti quotidiani di cibo, l'apporto giornaliero di acqua e la tipologia del cibo stesso da somministrare, a prescindere dalla marca.

48

Cibo secco e cibo umido

Un aspetto fondamentale da tenere presente per garantire un'alimentazione corretta del micio è la scelta tra cibo secco e cibo umido. In realtà non va fatta alcuna scelta, ma vanno garantiti entrambi nell'alimentazione del nostro amico peloso. Può variare semmai la dose. Il cibo secco dovrebbe comprendere circa i due terzi dell'alimentazione. Diversi sono però i fattori su cui basare la somministrazione. Primo fra tutti l'età del gatto. Ogni cucciolo sotto i 6 mesi assumerà alimenti specifici per gattini. Tra i 6 mesi e l'anno, è possibile combinare cibo per gattini e formule per adulti. I gatti con più di 7 anni si considerano "senior" o "maturi" e avranno bisogno di cibo specifico per le loro esigenze.

Continua la lettura
58

L'habitat del gatto


A fare la differenza per assicurare una sana alimentazione è anche il luogo in cui si troverà a vivere il gatto, che diventerà il suo habitat. Vivrà all'aperto o in casa? Più della metà di tutti i gatti che vivono in appartamento sono in sovrappeso, facendo anche poca attività. Il veterinario è la miglior risorsa per determinare se il vostro gatto rientra in questa categoria. In tal caso, scegli cibo secco ipocalorico, studiato appositamente per la gestione del peso e con formule light. Se è sottopeso, sotto controllo veterinario, aggiungi un integratore ad alto contenuto calorico. I pasti devono essere massimo due al giorno, a metà mattina e verso l'ora di cena.
Per quanto riguarda invece il gatto che vive all'aperto, magari in un grande giardino o cortile, si ritroverà a svolgere più attività, e avrà sicuramente meno problemi di peso. Nel suo caso dunque sarà possibile somministrargli cibo normale, non necessariamente light. Sempre però dosando cibo secco a cibo umido.

68

Cibi per patologie specifiche

Da ultimo va affrontato il caso di gatti che, a causa di patologie specifiche, devono assumere solo determinati cibi. Sarà sempre il veterinario a scoprire l'esistenza eventuale di una patologia nel micio, e sarà lo stesso a consigliare quali cibi aiuteranno il felino affetto a tenere sotto controllo quella patologia o a farla anche sparire. Pensiamo al caso del gatto che ha avuto problemi di calcoli ai reni. Questa patologia potrebbe essere soggetta a recidive, e proprio per questo necessita un'alimentazione povera di calcio e magnesio. I cibi per questo problema sono quelli che recano la dicitura "urinary". Esistono poi cibi per molte altre patologie: per gatti diabetici, per gatti con disfunzioni renali, per gatti con difficoltà digestive o intestinali.
Insomma, la salute del nostro gatto dipende soprattutto da noi, e siamo proprio noi padroni a doverci preoccupare di garantire al nostro amico un'alimentazione corretta.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

L'alimentazione del gatto sterilizzato

Perfetto. Avete sterilizzato il vostro gatto, l'avete seguito nel decorso post operatorio e ora vi state chiedendo: La sua alimentazione sarà quella di prima? La risposta è no. La sterilizzazione produce dei cambiamenti a livello metabolico, perciò...
Gatti

L'alimentazione del gatto in estate

Se avete un gatto e vi state chiedendo quale sia l'alimentazione adatta da somministrargli in estate, vi conviene leggere i vari passi di questa guida per saperne di più. I gatti in genere mangiano di tutto, ed oltre ai cibi freschi adorano anche quelli...
Gatti

Cura del gatto: l'alimentazione

Quando scegliamo di accudire degli animali domestici dobbiamo essere consapevoli del fatto che non basta dare loro le attenzioni in termini di affetto e di compagnia. Come ben sappiamo, i gatti devono seguire un'alimentazione molto ferrea che non può...
Gatti

Consigli di alimentazione per cuccioli di gatto

Quando un nuovo gattino entra a far parte della famiglia, occorre già avere le idee chiare su come alimentarlo correttamente. Non bisogna dunque farsi trovare impreparati ed è necessario avere in casa tutto l'occorrente che serve per garantirgli cibo...
Gatti

Alimentazione del gatto: alimenti e regole da seguire

Il gatto è un carnivoro con gusti alquanto difficili. Se vive fuori casa non ci sono problemi dato che sceglie le sue prede, ma se è domestico dovrete trovare il cibo che meglio lo soddisfa. Inoltre dovrete preoccuparvi di integrare la sua alimentazione...
Gatti

L'alimentazione del gatto convalescente

Se il vostro gatto ha subito un piccolo intervento chirurgico o è reduce da un periodo di malattia dettata magari da un'infezione intestinale, nel periodo di convalescenza è opportuno dargli da mangiare dei cibi appropriati che servono a ripristinare...
Gatti

Consigli per capire la corretta quantità di cibo per un gattino

I primi mesi di vita di un gatto sono di solito quelli più delicati. Momenti nei quali il piccolo animale ha particolarmente bisogno di attenzioni e cure. E non solo da parte di mamma gatto, ma anche da parte dei padroni. L'aspetto più delicato è quello...
Gatti

Come alimentare un gatto sterilizzato

La convivenza con un animale da compagnia è abitudine sempre più diffusa, tanto che, in Italia, si stima che ci siano circa ben 60 milioni di pets che condividono la quotidianità con i loro amici a due zampe. È una scelta di vita di cui è bene essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.