Guida ai principali animali onnivori

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Gli animali hanno conquistato il dominio del pianeta grazie all'adattabilità del comportamento e alle notevoli capacità di movimento. A secondo del cibo di cui si nutrono, essi si classificano in tre grandi gruppi: carnivori, erbivori e onnivori. Mentre coloro che appartengono ai primi due gruppi si cibano rispettivamente solamente di carne e di vegetali, gli onnivori si cibano di alimenti di entrambe le tipologie. Vediamo, nella guida che segue, in cosa consistono le principali specie che appartengono a quest'ultima categoria.

26

Occorrente

  • Appunti
36

I mammiferi vanno in letargo

Fra i mammiferi, i principali onnivori sono le volpi e gli orsi. Questi ultimi si nutrono prevalentemente di salmoni e piccoli animali, ma mangiano anche bacche, frutta e verdure, come cicoria, carote e germogli. La loro dieta varia durante l'anno: nella fase precedente al letargo accumulano scorte di grasso che gli serviranno durante l'inverno; nella fase di risveglio si nutrono di piante erbacee e di carcasse di animali morti. Lepri, conigli, roditori, ricci, insetti, uccelli e lombrichi risultano essere il pasto preferito delle volpi, le quali, tuttavia integrano la loro dieta con frutta e bacche, soprattutto durante la stagione più calda.

46

Il topo mangia un po' di tutto: dai cereali alla frutta

Sebbene la sua alimentazione preveda prevalentemente frutta, ortaggi, radici e cereali, anche il suino viene considerato un mammifero onnivoro, questo perché mangia piccole quantità di carne, in particolar modo negli allevamenti e nelle fattorie. Tra i mammiferi roditori ad avere un'alimentazione che comprende cibi di diversa natura è da annoverare il topo. Infatti, oltre al tipico formaggio, è solito mangiare un po' di tutto: dai cereali alla frutta, dalle verdure alla carne, soprattutto larve e insetti. Nella categoria dei marsupiali il principale onnivoro è l'opossum che si nutre di foglie e bacche degli alberi, spogliando questi della loro corteccia e provocandone danni considerevoli.

Continua la lettura
56

La blatta è anche conosciuta con il nome di scarafaggio

Anche fra i pesci sono inoltre presenti alcune specie che si nutrono sia di animali che di piante. Tipiche sono la carpa e la tinca, che si cibano di un po' di tutto e, fra i crostacei, alcune specie di gamberi e di granchi. Nella categoria degli uccelli sono onnivori i volatili, appartenenti alla famiglia dei corvidi e a quella dei passeriformi, i polli e i cigni. Infine, nella categoria degli insetti sono collocati alcuni onnivori per eccellenza, come la blatta e il grillo. La blatta è anche conosciuta con il nome di scarafaggio, è un animale molto vorace ed è diffusa in tutto il mondo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come avviene il fenomeno della migrazione degli animali

La migrazione rappresenta uno spostamento di un qualsiasi essere, da quella che è la sede abituale verso un'altra, che risulti essere più congeniale ed adeguata a delle nuove necessità. Il fenomeno della migrazione caratterizza molte specie animali...
Cura dell'Animale

Specie animali che vanno in letargo

Il mondo degli animali è ricco di sorprese. Tra nuove specie e novità riguardo gli animali più stravaganti, è sempre una gioia scoprire qualcosa in più sul fantastico mondo degli animali. Anche loro hanno un'anima dopotutto. Come ben sapete, durante...
Cura dell'Animale

Come sostenere gli animali abbandonati

In questa guida andrete a vedere come sostenere gli animali abbandonati. Ultimamente, infatti, è sempre più frequente questo argomento. Li animali non si devono abbandonare o in loro si instaurerà un comportamento insolito. Si tratta di trauma post-abbandono....
Cura dell'Animale

10 modi per aiutare gli animali abbandonati

A tutti, purtroppo, sarà capitato di imbattersi in animali abbandonati. Oltre 70.000 sono gli animali che vengono abbandonati durante l'anno, con picchi nella stagione estiva. Ma come comportarsi quando ritroviamo un simpatico cagnolino o un gattino...
Cura dell'Animale

Gli animali che vanno in letargo in autunno

Il mondo naturale è senza dubbio qualcosa di affascinante, da cui non si smetterà mai di imparare qualcosa. Gli animali, ad esempio, non sono tutti uguali, ed oltre alle distinzioni più generali tra mammiferi, uccelli e rettili, si può individuare...
Cura dell'Animale

Viaggiare con gli animali: consigli utili

Prima di metterci in viaggio ci sono molto cose da programmare, non solo quelle che riguardano noi ma anche i nostri amici a quattro zampe. Chi ha degli animali domestici difficilmente se ne separa. Consideriamo che però per spostamenti di pochi giorni...
Cura dell'Animale

Come curare animali domestici in modo naturale: le piante più utili

Prendersi cura dei propri animali domestici rappresenta un obbligo assoluto per ogni padrone che si rispetti. Forse non tutti sanno che è possibile curare i nostri amici a quattro zampe anche con l'aiuto e il supporto di alcune comuni piante naturali....
Cura dell'Animale

Specie animali che depongono più uova

Se amiamo gli animali, studiare la vita ed i comportamenti degli animali si rivela un qualcosa di molto bello ed allo stesso tempo anche di molto appassionante. Tra le varie specie di animali, sono in molte quelle che depongono le uova, in questa vedremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.