Guida alle piante tossiche per il gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Qualunque persona abbia un gatto è ha conoscenza del fatto che questi simpatici animali sono molto attratti da alcune tipologie di erbe: quando hanno l'opportunità d'esplorare un giardino o anche semplicemente un ambiente domestico, essi si ritrovano frequentemente a mordicchiare alcune piante.
La ragione per cui succede questo non è ancora completamente noto e il punto è che tale istinto apparentemente innocuo potrebbe celare differenti insidie: infatti, numerosi vegetali possono essere tossici, se non addirittura velenosi per questi felini.
Nei prossimi passaggi della seguente dettagliata e informativa guida da leggere assolutamente, quindi, vi indicherò quali sono le piante tossiche per il vostro adorato gatto: buona approfondita lettura!!!

26

Occorrente

  • Succo di limone
  • Acqua
36

Il livello di pericolosità delle piante per i vostri gatti potrebbe variare enormemente secondo il grado di tossicità (lieve, moderato e grave) e la tipologia di conseguenze che possono causare nell'organismo che le ha ingerite.
Alcuni vegetali potrebbero far scaturire soltanto degli effetti locali (come l'arrossamento, il gonfiore e le ulcerazioni) nelle zone con le quali si viene a contatto, mentre altre erbe possono scatenare dei pericolosi effetti sistematici sull'organismo (come, ad esempio, le intossicazioni).
I sintomi maggiormente comuni da intossicazione sono la perdita della saliva, gli starnuti frequenti e gli episodi di soffocamento: quando la sostanza tossica posseduta nella pianta viene assorbita dall'organismo, potranno apparire delle avvisaglie più gravi (come i conati di vomito e gli spasmi).
Qualora si dovessero presentare alcuni dei sintomi maggiormente pericolosi sul vostro adorato gatto, pertanto, non esitate e chiamate immediatamente il veterinario di vostra fiducia.

46

Con riferimento alla descrizione delle piante maggiormente tossiche, in testa alla classifica, si trova l'Aconito Monkshood: se dovesse essere ingerito dal vostro gatto, infatti, questo vegetale gli provocherebbe la depressione cardiaca e nervosa.
In seconda posizione, è possibile collocare svariate piante, come:
- l'Alloro di montagna, che causa dei disturbi gastrointestinali;
- l'Aglio, i cui germogli e fiori determinano delle problematiche epatiche;
- l'Azalea, le cui foglie e il cui nettare provocano dei danneggiamenti cardiaci e neurologici;
- l'Agrifoglio, i cui frutti possono dare dei disturbi gastrointestinali).
Al terzo posto, invece, ci sono le seguenti piante velenose per il gatto:
- il Crocus, che è dannoso per i reni;
- l'Edera, che dà problemi respiratori, cardiaci e gastrointestinali (anche se potrebbe sembrare innocua);
- il Glicine, il Giglio e l'Iris, che sono capaci anch'essi di provocare disturbi respiratori, intestinali e cardiaci.

Continua la lettura
56

Naturalmente, quelle elencate nel passaggio antecedente sono solamente alcune delle piante tossiche per il vostro gatto: data la rischiosità per i vostri amici a quattro zampe, potrebbe essere importante avere qualche consiglio utile, allo scopo di evitare che possa succedere il peggio.
Per gli individui più inesperti a distinguere tra le svariate tipologie di piante, si raccomanda di rendere inaccessibili le zone piene di verde: un rimedio meno estremo potrebbe essere quello di spruzzare del succo di limone diluito con l'acqua nelle piante, in quanto i gatti non adorano il limone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Le piante più tossiche per i conigli

Il mondo che ci circonda è pieno di sostanze velenose (in gran parte per colpa dell’uomo), che spesso si rivelano letali per noi e soprattutto per gli animali. Quelli erbivori come ad esempio i conigli, sono i più esposti agli avvelenamenti, poiché...
Gatti

Come capire se il gatto ha ingerito del veleno

Prendersi cura di un animale domestico come un gatto, è una passione che accomuna molte persone, ma allo stesso tempo, un compito impegnativo. A volte può capitare uno spiacevole e grave inconveniente, il nostro amico a quattro zampe può inavvertitamente...
Animali da Compagnia

10 consigli per una casa pet friendly

Gli animali sono dei componenti fondamentali di una famiglia, che occupano la casa come tutti gli altri membri. Adottando dei piccoli e semplici accorgimenti, sarà possibile creare un ambiente domestico anche a loro misura. Nella seguente guida forniremo...
Pesci

Come disporre i filtri nell'acquario

Avere un acquario in casa è sempre qualcosa di bello, di affascinante e di curioso. Vedere pesci differenti che nuotano e si muovono davanti ai vostri occhi, è sempre una sensazione davvero emozionante. Gli acquari però, devono essere sempre mantenuti...
Gatti

Come salvare il vostro gatto dall'avvelenamento

Avete notato che il vostro gatto respira faticosamente? Oppure altri sintomi come il vomito o una strana debolezza? Esistono molteplici sostanze nocive capaci di mettere a rischio la vita del vostro adorato gatto: quando il felino rimane dentro l'appartamento...
Cura dell'Animale

Come eliminare i pidocchi dagli uccelli

Anche gli animali, come gli esseri umani, possono soffrire di malattie e disturbi di vario genere. Molti di noi godono della compagnia di animali domestici. Cani e gatti sono certamente in cima alle preferenze per chiunque adotti un nuovo amico. Pertanto...
Cura dell'Animale

Guida al fabbisogno nutrizionale del cavallo

Ma quanto mangia, signor cavallo. E quanto beve. Fra noi umani, nemmeno i fedelissimi di McDonald's buttano giù tutte quelle calorie giornaliere. E pensare che agli albori della sua carriera evolutiva, nell'Eocene inferiore, quando scorrazzava indisturbato...
Cura dell'Animale

Le piante più pericolose per cani e gatti

Spesso crediamo che i nostri amici a quattro zampe siano del tutto indifesi o sprovveduti nei confronti delle minacce che l'ambiente gli para davanti. Inutile dire che non è assolutamente così: anche cani e gatti hanno una propria intelligenza, propri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.