I 10 mammiferi più rari al mondo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
112

Introduzione

Le specie si estinguono. Si tratta di un fenomeno biologico naturale molto lento che viene compensato dalla comparsa di nuove specie. Ciò permette di mantenere un certo equilibrio nell'ecosistema, garantendo una giusta varietà degli organismi viventi. Tuttavia, negli ultimi tempi, questo fenomeno si è intensificato in modo preoccupante, per effetto della pressione dell'uomo sull'ecosistema. Deforestazione, incendi, scioglimento dei ghiacciai, urbanizzazione e inquinamento, hanno costretto molte specie animali del pianeta a vivere in habitat sempre più ridotti e ostili. Ne consegue che esistono animali unici, ma in via di estinzione. Animali rarissimi da proteggere. Capolavori del creato che meritano di essere conosciuti. Qui di seguito incontriamo i 10 mammiferi più rari del mondo.

212

Il toporagno elefante

Si tratta di un simpatico animaletto diffuso in Africa, dall'aspetto aggraziato, molto agile e generalmente diurno, famoso per l'abilità nel muovere il suo lungo musetto. Questa caratteristica viene sfruttata maggiormente per sondare il territorio mentre cammina, corre o quando si costruisce lunghi cunicoli sotterranei per sfuggire ai predatori. Il toporagno elefante si nutre di semi e germogli, ma è particolarmente ghiotto di insetti, che è solito pescare con la sua lunga lingua appiccicosa, alla quale la preda rimane incollata. Si tratta di un esemplare molto pacifico, che vive generalmente in gruppo e che, quando sceglie una compagna, le è fedele a vita! Non produce una prole numerosa, ma i cuccioli che mette al mondo sono in grado di vedere e camminare sin dalla nascita.

312

Il panda gigante

Originario della Cina centrale, il panda gigante vive nelle regioni montuose del Sichuan. Si tratta di uno degli animali più amati al mondo, tant'è che è divenuto simbolo del WWF ed è attualmente raffigurato sulle monete d'oro cinesi. Si nutre quasi esclusivamente di bambù e talvolta di uova, insetti e carogne. Simpatico osservare come, durante la masticazione, le sue tenere orecchie si muovano! Mentre le tipiche macchie nere intorno agli occhi ricordano un po' le tanto odiate occhiaie umane. Decisamente più carine appaiono sul viso di questi animali, che sembrano dei veri e propri orsetti. La femmina di panda riesce ad allevare solamente un piccolo, al punto che, se dovesse partorire due gemelli, rinuncerebbe ad occuparsi di entrambi. Bravo scalatore, il panda gigante sa anche nuotare. Non costruisce tane come fanno gli altri orsi e non va in letargo. Durante il giorno mangia e dorme, proprio come un cucciolo d'uomo.

Continua la lettura
412

Il fossa

Uno degli ultimi grandi animali sopravvissuti in Madagascar. Il fossa è simile a un gatto, anche se il suo muso assomiglia tanto a quello di un cane. La sua pelliccia è di un marrone rossastro e i suoi denti sono spaventosi! Il suo corpo è agile e snello. Usa la lunga coda come un funambolo per spostarsi tra gli alberi, cosa che fa con estrema velocità. Animale solitario, attivo giorno e notte. Senza dubbio è il maggior predatore dell'isola, capace di abbattere tranquillamente anche prede più pesanti di lui. Le femmine di fossa partoriscono da due a quattro cuccioli ogni anno.

512

Il vombato dal naso peloso

Attualmente sopravvive in una piccolissima area all'interno del Parco Nazionale di Epping Forest, nel Queensland, Australia. Il vombato dal naso peloso ha una corporatura tozza e massiccia. Rivestito da una soffice pelliccia setosa, ha dei caratteristici anelli scuri attorno agli occhi. L'ampio muso è ricoperto da baffi sottili. Utilizza le sue robuste unghia per scavare le tane. Esso infatti trascorre le calde giornate sottoterra, dove produce un complesso sistema di gallerie. Notturno e solitario, si nutre principalmente di erbe e radici. La femmina di vombato partorisce un solo cucciolo che, appena nato, si trasferisce nel marsupio della madre, ove trascorre i primi nove mesi della sua vita!

612

Il bradipo pigmeo tridattilo

Animale solitario noto per la sua lentezza, dorme circa 19 ore al giorno! Il bradipo pigmeo tridattilo vive in ambienti tropicali umidi e a clima mite tutto l'anno, perché, a differenza degli altri mammiferi, non riesce a mantenere la sua temperatura corporea costante. Ciò lo rende simile a un rettile. Proprio a causa dell'umidità dei posti in cui vive e della sua estrema lentezza, la pelliccia che lo riveste è cosparsa da minuscole alghe e si fa caldo rifugio di coleotteri e farfalle notturne. Tuttavia in acqua il bradipo si rivela un abile nuotatore! E nelle situazioni di pericolo diventa veloce e aggressivo. Non beve acqua, forse perché l'attinge dal suo nutrimento, che è a base di frutta e verdura. Il bradipo maschio vive tutta la sua vita su un albero, mentre la femmina si muove di albero in albero. All'arrivo di un cucciolo, il papà non svolge alcun ruolo nella crescita del piccolo.. È la mamma che bada a tutto, finanche all'eredità da lasciargli in dono: il suo albero. Se il figlio è un maschio, non lo abbandonerà più!

712

Kod Kod

Si tratta del più piccolo felino delle Americhe, diffuso principalmente nelle regioni centrali e meridionali del Cile. Le foreste pluviali temperate costituiscono il suo habitat. Purtroppo è un animale a forte rischio d'estinzione, a causa della deforestazione e della diminuzione delle prede. Il kod kod ha la testa piccola, ma in compenso vanta dei grandi piedi! Attivo sia di giorno che di notte, risulta essere un eccellente scalatore e un cacciatore di uccelli, lucertole e roditori. Si nutre di pavoncelle del sud America, tordi australi, tapaculi di Chucao, huet-huet, oche e polli domestici. Una nidiata media di kod kod comprende da uno a tre gattini.

812

Il gatto dorato africano

Gatto selvatico presente nelle foreste pluviali dell'Africa occidentale e orientale, grande circa il doppio di un gatto domestico. Nonostante sia un ottimo arrampicatore, questo singolare animale preferisce cacciare di più al suolo, mediante l'uso di artigli e denti. La sua testa è piccola rispetto al corpo. Si ciba principalmente di roditori, uccelli, scimmie, cefalofi, ilocheri e piccole antilopi. Non si sa molto di lui, essendo un animale molto schivo e riservato. Difatti è molto raro avvistarlo. Tende a scappare ogni qualvolta avverte il minimo rumore. Dev'essere un tipo abbastanza sospettoso! La femmina del gatto dorato africano partorisce al massimo due cuccioli, che saranno ciechi per la loro prima settimana di vita.

912

Il leopardo nebuloso

Felino diffuso nel sud est asiatico. Il suo mantello è ricoperto da grandi e caratteristiche ellissi di forma irregolare, che ricordano molto le nuvole del cielo. Tra le sue prede preferite menzioniamo gibboni, macachi e civette, ai quali si aggiungono altri piccoli mammiferi, come cervi, uccelli, istrici e bestiame domestico. La maggior parte di queste prede vive sugli alberi, forse per questo il leopardo nebuloso è un eccellente arrampicatore. La sua coda può essere lunga quanto il corpo! Questa caratteristica gli permette un migliore bilanciamento e di muoversi al pari degli scoiattoli. Si pensi che è in grado di arrampicarsi stando appeso ai rami anche a testa in giù! Non si sa molto delle sue abitudini. Pare sia schivo anche lui, una creatura abbastanza solitaria. La femmina del leopardo nebuloso dà alla luce due-quattro piccoli alla volta, che anche in questo caso nascono ciechi.

1012

Il pika

Si ama definirlo un peluche vivente! Diffuso nell'emisfero boreale, (in particolare Eurasia e nord america), il pika tende a vivere in coppie monogame. Nell'aspetto è molto simile a un topolino. Predilige climi freschi e zone di montagna. Vive nelle zone rocciose in prossimità di prati, dove durante il giorno si reca a cercare il cibo. Nei periodi caldi sosta sull'alto delle rocce facendosi riscaldare dal sole ed emette un caratteristico grido che copre distanze anche molto lunghe. All'approssimarsi della cattiva stagione, invece, si fa una bella scorta di erbe. Agilissimo, buon roditore e saltatore. La sua agilità ricorda quella della lepre. Vive in gruppi. La femmina del pika dà alla luce una media di 4 cuccioli.

1112

Il licaone

Detto anche "cane cacciatore del capo", il licaone abita gran parte dell'Africa al sud del Sahara ed è considerato il carnivoro più feroce di tutto il continente africano! Emana un tipico odore di muschio, ha radi peli che lasciano intravedere la pelle. Una sua particolare caratteristica è rappresentata dalle macchie nere e giallo ocra irregolari, diversamente distribuite su tutto il corpo. Il licaone conduce una vita nomade. Svolge la sua attività soprattutto all'alba e al tramonto. Durante le ore più calde, invece, riposa in tane o dentro ai cespugli. Durante la gestazione della femmina licaone, il maschio le resta accanto e permane anche dopo il parto. I piccoli (che possono arrivare anche a 8) vengono alla luce in una buca scavata dalla madre. Nascono ciechi. Per nutrirli, i genitori rigurgitano il cibo. Una dura gara per contenderselo lascia in vita solo i più robusti. È la dura lotta per la sopravvivenza, che spesso mette contro anche i fratelli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

I mammiferi più pericolosi al mondo

Il mondo animale è pieno di meravigliose creature, ma non tutte sono docili e sicure per l'essere umano. In realtà, più di 3/4 dei circa 5000 mammiferi esistenti, sono più piccoli dell'uomo. Altri invece sono impiegati come animali da lavoro e come...
Altri Mammiferi

I 10 mammiferi più piccoli del mondo

I mammiferi possono essere di grandi o piccole dimensioni. Questi ultimi sono particolarmente carini. Se pensavate che non esistesse nulla di più minuscolo e tenero di un porcellino d'india, uno scoiattolo o di un coniglietto nano, preparatevi a conoscere...
Altri Mammiferi

I 5 mammiferi più grandi del mondo

Il nostro pianeta è popolato da una flora ed una fauna davvero variegata. Ogni vegetazione cresce in un determinato luogo e con determinate condizioni climatiche. Ogni animale ha il suo habitat prediletto, appartiene ad una categoria ben precisa, ha...
Altri Mammiferi

I 5 cavalli più rari al mondo

Il cavallo, si sa, è una delle creature più affascinanti di tutta la Terra. Un animale forte, possente, al tempo stesso elegante e regale. Da tempo, incanta grandi e piccini con la sua maestosa bellezza. Sempre di più sono le persone che scelgono di...
Altri Mammiferi

I più noti mammiferi asiatici

In tutto il continente asiatico vi sono numerose specie animali tra le più conosciute e apprezzate al mondo. Spesso vittime di battute di caccia e bracconaggio, queste specie vengono di frequente importate illegalmente anche in altri paesi, per poi essere...
Altri Mammiferi

5 mammiferi marini

Con il termine "mammiferi" si indica una vasta gamma di animali piuttosto dissimili tra loro (si va, ad esempio, dai delfini ai cani, dai leoni agli esseri umani), ma accomunati da due caratteristiche fondamentali: tutti i mammiferi sono vertebrati e...
Altri Mammiferi

Come si suddividono i mammiferi in base alla riproduzione

Con il termine "mammiferi" si vuole indicare tutta quella serie di animali che si riproducono generando prole viva. I mammiferi a loro volta si suddividono in tre grandi branche all'interno delle quali ogni specie viene classificata in base alla loro...
Altri Mammiferi

Le caratteristiche principali dei mammiferi

I mammiferi sono la classe tassonomica a cui appartiene l'uomo, caratterizzata principalmente dalla capacità di allattare la prole. Le dimensioni dei mammiferi variano notevolmente; si passa da piccoli animali di pochi centimetri ai trenta metri delle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.