I pesci più ornamentali da mettere in un laghetto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per avere un laghetto unico ed originale bisogna arricchirlo con dei pesci ornamentali che aggiungono colore e vivacità. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni consigli su tre specie di pesci ornamentali da mettere nel laghetto e che sono adatti per le condizioni climatiche italiane. Prima di comprare dei pesci ornamentali è opportuno assicurarsi che il laghetto è in grado di ospitare queste creature. Le condizioni da onorare sono le seguenti: le dimensioni per far muovere i pesci comodamente e le piante (sommerse o meno) per creare un ambiente più salutare e biologico possibile.

25

Occorrente

  • Laghetto di ampie dimensioni
  • Piante, sommerse o meno
  • Ampi spazi per il nuoto
  • Fitta vegetazione per i nascondigli
35

Il Nishikigoi

Il pesce ornamentale più conosciuto è il "Nishikigoi"; il suo punto di forza è l'aspetto. Esso è uno dei pesci più belli e si può trovare di svariati colori e sfumature, quali: rosso, blu, nero, crema, giallo e bianco. Questo pesce, a differenza di molti simili, è in grado di memorizzare il luogo in cui vive e ricordare le persone che se ne prendono cura. Si nutre di larve, zanzare e avanzi di verdura; inoltre, è un animale longevo. Riesce a superare anche i cento anni di età; questa specie detiene anche un piccolo record: "Hanako" è riuscito a raggiungere i 226 anni di età ed è stato il vertebrato più longevo di ogni tempo.

45

Lo Shubunkin

Un altro pesce ornamentale che si distingue per la bellezza è lo " Shubunkin". Il corpo di questa creatura è ricco di sfumature; per questo motivo ha il soprannome di pesce "arcobaleno". Esistono tre tipologie di "Shubunkin": London che ha una pinna simile a quella di un pesce rosso; American le cui pinne sono lunghissime ed appuntite e Bristol. Quest'ultimo è il più affascinante dei tre; ha la coda lunga, detta di pavone, che con l'età diventa sempre più bella e appariscente. Lo Shubunkin si nutre di larve e zanzare; è un pesce abbastanza socievole ed è consigliabile non lasciarlo vivere in solitudine.

Continua la lettura
55

Il Canarino

Ultimo della lista è il pesce "Canarino" che ha un colore giallo acceso. Pur non possedendo una particolare bellezza è abbastanza gettonato per ornare i laghetti in quanto il suo colore riesce a donare grande vivacità all'ambiente. Anche il pesce "Canarino" è molto socievole per cui è si può mettere tranquillamente in un laghetto insieme ad altri pesci. Per quanto riguarda la nutrizione il piccolo Canarino si distingue dagli altri in quanto è vegetariano. Per questo motivo bisogna prestare attenzione alla scelta delle piante per abbellire il laghetto. Infatti, questa piccola creatura può divorarsi tutto nel giro di poco tempo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Come allevare i pesci rossi in un laghetto

I pesci rossi, diversamente da come si vocifera da sempre, non sono adatti per essere rinchiusi in bocce di vetro.Spesso muoiono di solitudine o nel caso opposto si azzuffano fra loro se forzati a vivere nella stessa boccia dalle dimensioni ridotte.L'errore...
Pesci

Come allevare i lucci

I lucci sono dei pesce d'acqua dolce, gli unici appartenenti alla famiglia delle esocidae. Essi sono per lo più presenti nei mari del Nord America, dell'Europa e dell'Eurasia durante il Paleogene attraverso presente. Hanno la forma di un siluro con una...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura delle tartarughe di acqua dolce

Le tartarughe sono degli animali abbastanza belli e riescono in un certo senso anche ad essere affascinanti. Se si amano questi animali si possono comprare delle piccole tartarughe di acqua dolce. Se si decide di acquistare le tartarughe bisogna garantire...
Rettili e Anfibi

Come liberarsi delle rane

Le rane sono anfibi che vivono in prossimità di laghetti e stagni. Le rane sono solitamente animali molto utili: si cibano infatti di larve e insetti, come le zanzare e le mosche, che spesso sono nocivi alle colture e fastidiosi per l'uomo. Purtroppo...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Rettili e Anfibi

Come allestire un terrario per rane

Il terrario è una struttura che permette di ospitare differenti specie di animali, come serpenti o alcuni roditori, e anche piante; tra questi sicuramente può accogliere le rane, degli anfibi che molte persone decidono di acquistare come animali domestici....
Invertebrati e Insetti

Come tenere le formiche lontane dal cibo per animali

Avere degli animali domestici rappresenta un'autentica necessità per molti di noi. Cani, gatti ma anche altre creature sono presenze che ci offrono affetto incondizionato e compagnia. Molte case però hanno un problema molto comune in primavera/estate....
Volatili

Come allevare lo zigolo

Lo zigolo è un uccellino originario dei Paesi Europei, diffuso anche in Italia, soprattutto al nord e al centro. Si riconosce facilmente dal colore giallo vivo della testa e dal marroncino chiaro del dorso. La colorazione del piumaggio permette di distinguere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.