Incubazione e schiusa delle uova di tartaruga terrestre

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La tartaruga terrestre è senza dubbio un animale maestoso e bellissimo: essa rappresenta una delle specie di animali più affascinanti che esista al mondo e, fortunatamente, non è in via di estinzione. Infatti, grazie all'allevamento ed alla loro crescita costantemente monitorata, si è riusciti a preservare più esemplari possibili, e la tartaruga terrestre è tra questi. L' incubazione e la schiusa delle uova di tartaruga terrestre sono due processi assolutamente affascinanti da vedere. Chi ama gli animali, vorrà certamente saperne di più. A tal proposito, questa guida racconterà come avviene questo meraviglioso processo.

25

Deposizione delle uova

Innanzitutto, dopo la fecondazione, la femmina di tartaruga depone le uova in un numero che varia in base alla specie ed all'età dell'esemplare di tartaruga terrestre. La tartaruga terrestre molto giovane tende a deporre un maggior numero di uova, mentre una tartaruga terrestre di media età depone in genere dalle 4 alle 6 uova, preferibilmente nelle fasce orarie della giornata in cui la temperatura è più fresca. La deposizione delle uova, dunque, avviene solitamente nel primo mattino o nelle prime ore della sera. In base alla temperatura di incubazione, le uova possono impiegare dai 50 ai 100 giorni per schiudersi. È un tempo piuttosto lungo, quasi quanto una gravidanza umana.

35

Incubazione a temperatura costante

L'incubazione dev'essere effettuata ad una temperatura costante di circa 30°. Per la schiusa, invece, le uova necessitano di una temperatura elevata, poiché è il calore a provocare la schiusa delle uova di tartaruga terrestre. A seconda delle variazioni, poi, cambia un ulteriore parametro: infatti, una gradazione minore, indicherebbe la possibilità maggiore di veder nascere molti esemplari femmine, mentre una temperatura minore di 30° favorisce la nascita di esemplari maschi. La temperatura la si può monitorare con un semplice termometro. Basterà inserirlo nel terreno alla stessa profondità in cui si trovano le uova. Superato il periodo dell'incubazione, le uova cominciano a schiudersi.

Continua la lettura
45

Monitoraggio delle uova

Nell'arco del tempo, alcune possono risultare danneggiate o coperte di muffa, ma i volontari che si occupano degli animali sanno cosa fare in proposito. Le uova apparentemente danneggiate, infatti, non devono essere eliminata, ma basterà semplicemente isolarle da tutte le altre. Questo solo per avere un occhio di riguardo per esse e monitorarle con più attenzione e cura. Nel caso della muffa, non bisogna poi consentire che si diffonda su altre uova, ciò potrebbe mettere in pericolo anche le uova sane. L'embrione comincia a rompere il guscio attraverso il dente dell'uovo: esso è presente sul suo muso e scompare il giorno successivo alla nascita, quando ormai ha svolto la sua unica funzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Consigli per accudire una tartaruga

Se si decidete di allevare una tartaruga terrestre, è importante attenersi ad alcune regole ben precise, in modo da farla vivere bene e a lungo, visto che questo esemplare è molto longevo. In riferimento a ciò, ecco una lista in cui ci sono alcuni...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga da terra

Se decidiamo di adottare una tartaruga terrestre, è importante informarsi sulle sue abitudini, le necessità, le cure, l'alimentazione e lo spazio di cui necessita. Abilissima ad arrampicarsi, è spesso orientata a tentare la fuga dalle zone protette,...
Rettili e Anfibi

5 alimenti da non dare alla tartaruga di terra

La tartaruga di terra è un simpatico e docile animaletto che, se trattato nel modo giusto e sempre rispettoso, può rivelarsi un ottimo animale da compagnia, amico di giochi perfetto per i più piccini ed anche per i più grandi. Una tartaruga di terra,...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Rettili e Anfibi

Come calcolare l'età di una tartaruga

Capire l'età di una tartaruga è un'operazione piuttosto difficile e ardua, tutt'altro che semplice. Le motivazioni di questa difficoltà si devono a due fattori principali. Il primo fattore è relativo alla longevità di questi animali che possono vivere...
Rettili e Anfibi

Come fare se la tartaruga rompe il guscio

La tartaruga è un animale docile e sempre più persone la scelgono come animale domestico. Le sue doti principali? Ma lo sanno anche i bambini! La lentezza e la vita lunghissima! Ciononostante, la tartaruga può avere dei problemi. Il più grave è una...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga di terra

Le tartarughe sono diffuse in tutto il mondo, limitatamente alle zone calde o temperate. Quella più comune in Italia è la tartaruga di Herman, lunga sino a 30 cm e pesante anche 2 Kg, caratterizzata dal carapace molto convesso. Al contrario di quanto...
Rettili e Anfibi

5 alimenti da non dare alla tartaruga d'acqua

Chi possiede una tartaruga d'acqua sicuramente saprà abbastanza bene quali sono gli alimenti adatti. Per farle crescere in forma e in ottima salute dobbiamo stare ben attenti a cosa somministriamo alle nostre piccole amiche. In questa guida vediamo quindi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.