La famiglia degli aracnidi: caratteristiche e suddivisione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Gli aracnidi sono una specie animale appartenente alla famiglia degli artropodi, che comprende esemplari tipo ragni, zecche, scorpioni e acari. Sulla terra ne esistono più di 60 mila, ed il nome è di origine greca che significa ragno, poiché questo esemplare fu il primo ad essere classificato. In riferimento a ciò, ecco una lista con le caratteristiche generali e la suddivisione della famiglia degli aracnidi.

26

Hanno un corpo diviso in tre parti

Gli aracnidi sono invertebrati, artropodi (forniti con appendice articolata velenosa vicino alla bocca) e sono privi di antenne e mascelle. Il loro corpo è diviso in tre parti: una carapace ossia una parte dell'esoscheletro che unisce la testa e il torace, e l’addome che è segmentato negli scorpioni e nei ragni e contigua invece negli acari. La chelicera negli aracnidi consente invece di reggere una coppia di appendici allungate chiamate pedipalpi, indispensabili per agganciare le prede.

36

Sono dei predatori

Gli aracnidi sono dei predatori e i pasti preferiti sono insetti, vermi, altri aracnidi e anche piccoli uccelli. Attraverso dei canali esistenti all'interno del cheliceri, possono iniettare nelle loro vittime il veleno prodotto da ghiandole situate nei pressi della bocca, tranne nello scorpione che invece inietta il suo veleno attraverso il pungiglione. Il veleno di entrambi è poi in grado di sciogliere i tessuti della vittima, creando una sorta di pasta per loro commestibile.

Continua la lettura
46

Hanno un loro specifico habitat

Gli aracnidi hanno in base alla specie un loro specifico habitat; infatti, ad esempio i ragni si trovano in genere in luoghi contenenti umidità e calore. Gli scorpioni invece vivono sotto le rocce, nei tronchi e nella corteccia d'albero. Gli acari si trovano in luoghi che contengono terreno o altre sostanze piuttosto polverose.

56

Si riproducono per fecondazione interna

Gli aracnidi si riproducono per fecondazione interna e tramite le uova. Tuttavia il rapporto di riproduzione può variare da specie a specie, e nel caso dello scorpione il maschio per realizzare l'accoppiamento produce un espermatóforo, ovvero un tipo di capsula che la introduce nel corpo della femmina, in modo che possa rivelarsi fruttuoso. In questo caso, si parla di riproduzione indiretta.

66

Consegnano un dono alla femmina dopo l'accoppiamento

In alcune specie di ragni, ci sono dei casi davvero particolari per non dire curiosi o incredibili; infatti, il ragno maschio dopo l'accoppiamento, deve necessariamente consegnare un dono alla femmina e nello specifico un insetto. In caso contrario, quest’ultima lo uccide senza alcuna possibilità di rimediare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come Riconoscere Gli Amblipigi

Gli Aracnidi sono in genere animali piuttosto malvisti che provocano paura in molte persone. Gli amblipigi sono un gruppo di animali che sembra fatto apposta per aumentare a dismisura le paure di un aracnofobico; in realtà sono animali molto affascinanti...
Invertebrati e Insetti

La famiglia degli antropodi: caratteristiche e suddivisione

Gli antropodi appartengono al gruppo degli invertebrati che comprende delle specie molto note come ad esempio i ragni gli scorpioni e millepiedi tanto per citarne qualcuno. La specie si suddivide poi in 4 gruppi che vengono identificati come Aracnidi,...
Invertebrati e Insetti

Come Riconoscere La Nepa Cinerea

Tra gli insetti che dominano nell'ambiente delle acque dolci, c'è la Nepa cinerea nota anche come scorpione d'acqua. Per individuarla, è necessario recarsi dunque presso le rive di stagni, laghi, o lungo fiumi a corso lento. La Nepa cinerea a dispetto...
Invertebrati e Insetti

Come identificare un ragno babbuino

Originari del Sud Africa, i ragni babbuino appartengono alla stessa specie della tarantola. Conosciuti anche con il termine scientifico Theraphosidae questa particolare specie di insetto, presenta delle caratteristiche che ricordano le scimmie da cui...
Invertebrati e Insetti

Come Riconoscere La Grammostola Rosea

La Grammostola rosea è uno dei ragni più docili e resistenti, adatto ad essere tenuto in casa. Si tratta di una tarantola molto tranquilla, proveniente da una delle zone più aride del mondo, ovvero dalla regione settentrionale del deserto di Atacama,...
Invertebrati e Insetti

Come sbarazzarsi dei ragni

I ragni sono degli aracnidi, che a seconda della razza e dimensione possono anche rivelarsi velenosi e pericolosi. Però la maggior parte dei ragni che si vedono nelle nostre case sono del tutto innocui e a volte molto utili contro insetti come zanzare...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere una vedova nera

È sicuramente uno dei ragni più conosciuti e temuti, stiamo parlando della famosissima vedova nera. Essa è presente anche in Italia. Questa tipologia di ragno occupa un ruolo importantissimo per l'agricoltura; infatti è in grado di sterminare un gran...
Cura dell'Animale

I principali gruppi di animali

Un gruppo di animali è costituito da animali che sono tutti uguali in modo importante, che gli scienziati hanno raggruppato per rendere più facile studiarli. Ci sono molti gruppi di animali diversi e ognuno di essi in tutto il mondo appartiene ad uno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.