Le abitudini più buffe dei girini

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il ciclo vitale della rana assume per struttura diverse forme e quindi diversi comportamenti. Il girino rappresenta l'infanzia della rana, con il suo faccione buffo e arruffato, e una bocca che man mano che cresce e si allarga fino a coprire tutto il viso. Un simpatico essere vegetariano che si nutre principalmente di lattuga. Nei prossimi paragrafi analizzeremo tutte le abitudini più buffe dei girini che durante la fase di sviluppo mettono in evidenza attraverso comportamenti influenzati dal processo di crescita e sviluppo della propria struttura fisica.

26

Sono vegetariani

I girini principalmente sono animali vegetariani, mangiano soprattutto lattuga, se avete intenzione di allevarli preparatevi a servire lattuga sminuzzata e bollita, onde evitare che possano contrarre malattie. I girini possono anche mangiare piccole quantità di pesci in fiocchi, ma non è proprio l'ideale.

36

Amano vivere in luoghi umidi

I girini amano vivere in pozze profonde, in ambienti umidi, infatti hanno bisogno di un habitat di acqua e terra possibilmente stagnante. Se avete intenzione di allevare girini tenetevi pronti a purificare l'acqua da eventuale cloro. Pesticidi, sapone, o altre lozioni possono uccidere i girini, anche quando si cambia l'acqua è importante tenere un ph elevato. Sono animali molto sensibili nonostante l'aspetto buffo.

Continua la lettura
46

Né pesci né rettili ma entrambi

I girini sono anfibi in evoluzione, e sono un incrocio tra pesci e rettili, pertanto respirano attraverso le branchie, ma nella fase di evoluzione tali branchie spariscono e si formano i polmoni, mentre tutta la struttura ossea cambia, anzi si forma del tutto. È un processo evolutivo che appartiene solo alla loro specie, che riesce a passare all'attività polmonare dopo aver vissuto sott'acqua.

56

Mangiano la propria coda

Se si allevano i girini e se ne mettono insieme più di 10 – 15 in un litro d'acqua, si corre il rischio che inizino a mangiarsi a vicenda. Hanno un ph molto delicato della pelle. Nella fase in cui diventano rane, i girini usano la propria coda come cibo, mentre iniziano a formarsi le zampe. Hanno bisogno di avere un contatto indiretto con la luce, altrimenti rischiano di bruciarsi.

66

Assumono comportamenti in base alla fase evolutiva

Le abitudini dei girini tendono ad essere diverse e buffe, in quanto in contraddizione tra di loro soprattutto per una fase di sviluppo biologico della struttura fisica, che si adatta alla struttura permanente del corpo. Pertanto sono animali molto particolari sia da allevare che da studiare, perché subiscono un'evoluzione molto particolare, che ne determina gli stessi comportamenti e abitudini.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allevare rane e rospi

Gli anfibi appartengono ad una specie animale molto legata all'acqua ed è in questo luogo che avviene la loro riproduzione: l'etimologia della parola, "anfi" che significa doppio e "bio" vita, testimonia che il ciclo vitale degli anfibi prevede una fase...
Rettili e Anfibi

Caratteristiche principali degli anfibi

Gli anfibi sono divisi in numerose specie e comprendono anche rane, rospi e anuri. I rospi si differiscono dalle rane perché possiedono una pelle più asciutta e verrucosa e la maggior parte di essi vive sulla terra ferma. Le specie viventi sono circa...
Rettili e Anfibi

Come si muovono e respirano gli anfibi

Gli anfibi sono affascinanti creature del mondo animale vertebrato, molto legate all'acqua.Si narra che siano stati i primi vertebrati a colonizzare l'ambiente terrestre. Il loro nome è ''amphibia'' (doppia vita)La loro caratteristica è la pelle umidiccia,...
Rettili e Anfibi

Come nutrire una piccola tartaruga

Certamente non potete aspettarvi che le piccol diventate poi adulte vi portino il giornale o facciano la fusa, ma sono animali che riconoscono chi si prende cura di loro e le nutre, le acquatiche poi sono dei veri "motoscafo" quando lo individuano anche...
Rettili e Anfibi

Come evitare che le tartarughe escano dal rettilario

Le tartarughe sono creature affascinanti, con comportamenti e abitudini davvero sorprendenti! Animali docili, socievoli e longevi sanno donare molto a chi si occupa di loro ma hanno bisogno di attenzioni ben precise. Intelligenti e curiose riescono molto...
Rettili e Anfibi

Come allestire l'habitat per una tartaruga

Il modo più efficace per tutelare gli animali è di proteggerne l'habitat perché questo gli fornisce tutto il necessario per sopravvivere. Infatti, se decidiamo di allevare, per esempio, una tartaruga, dobbiamo innanzi tutto documentarci sulle sue abitudini,...
Rettili e Anfibi

Come allevare gli scarabei

Negli ultimi anni sono sempre piú numerose le persone che si appassionano ai coleotteri, in Giappone per esempio, allevare scarabei è una cosa più che normale. Tuttavia gli scarabei sono una famiglia di insetti molto ampia e variegata, all’interno...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una rana

La scelta tra gli animali domestici che decidiamo di avere in casa, può essere diversa al solito gatto, cane, pesciolino colorato o uccelli esotici; se infatti siamo alla ricerca di una compagnia un po' più particolare potremo optare per un anfibio....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.