Le piante più tossiche per i conigli

Tramite: O2O 26/09/2015
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il mondo che ci circonda è pieno di sostanze velenose (in gran parte per colpa dell?uomo), che spesso si rivelano letali per noi e soprattutto per gli animali. Quelli erbivori come ad esempio i conigli, sono i più esposti agli avvelenamenti, poiché tendono a mangiare piante e fiori che non sono adatte come cibo. A tale proposito ecco una lista, con le piante più tossiche per i conigli.

27

La genziana

Una delle piante che maggiormente provoca la morte dei conigli è la genziana, ovvero una specie erbacea di tipo perenne che si può trovare in molti giardini, grazie ai suoi particolari fiori dal colore bluastro. Se viene ingerita dal coniglio, provoca una paralisi muscolare all?altezza del collo, ma se si riesce in tempo a salvarlo, con opportune e lunghe cure si può scongiurare la morte, e fargli recuperare l?agilità che lo contraddistingue.

37

Il melo e il pero

Tra le piante tossiche per i conigli, troviamo anche quelle da frutto, come ad esempio il melo e il pero i cui semi se ingeriti sono altamente nocivi, così come il nocciolo delle albicocche che contiene evidenti tracce di cianuro, letali per questo piccolo mammifero. Altri alimenti che si coltivano in giardini e orti come ad esempio i pomodori e le melanzane sono mal tollerate dal coniglio, poiché contengono degli acidi naturali.

Continua la lettura
47

Il narciso e la cicuta

Ci sono tantissimi altri fiori e piante che se ingerite dal coniglio, possono causarne la morte poiché velenosissime, e tra queste troviamo quelle bulbose come il narciso, ma anche la margherita e il geranio possono creargli vari problemi. Tra le piante ne citiamo una in particolare, che del resto anche sull?uomo si rivela velenosissima ossia la cicuta, che se assunta anche in piccole dosi, può provocare al coniglio, gravi problemi muscolari.

57

L'aloe vera

Il succo dell?aloe vera può creare tantissimi problemi al coniglio, mentre è molto sfruttato dagli esseri umani per le sue tantissime proprietà benefiche sulla pelle. Se l'animaletto ne ingerisce un discreto quantitativo, accusa forti dolori allo stomaco e spesso lo conduce alla morte.

67

L’erba trattata

Se abbiamo un coniglio, bisogna assolutamente tenerlo lontano dal prato del nostro giardino, specie se l?erba è stata trattata con prodotti diserbanti di natura chimica. Il coniglio infatti essendo erbivoro, ama molto mangiarla, sia perché ne va ghiotto che per purgarsi, proprio come amano fare i gatti. Questo corpo estraneo, per reazione chimica a causa del suddetto diserbante, si trasforma in un alimento tossico, e quindi per lui letale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come costruire un recinto per i conigli

Fino a qualche anno fa, il coniglio era considerato un'animale adatto esclusivamente per finire sulle nostre tavole. Oggi, invece, molte persone preferiscono ospitarlo in casa propria come animale da compagnia e, dopo il cane ed il gatto, è il preferito...
Cura dell'Animale

Come limare le unghie ai conigli

Le unghie dei conigli continuano a crescere e, se non trattate, succede questo. Possono diventare inossidabili e causare dolore o infezioni per il vostro animale domestico. Avrete bisogno di limare le unghie del vostro coniglio ogni mese. Questo per aiutarlo...
Cura dell'Animale

Come curare animali domestici in modo naturale: le piante più utili

Prendersi cura dei propri animali domestici rappresenta un obbligo assoluto per ogni padrone che si rispetti. Forse non tutti sanno che è possibile curare i nostri amici a quattro zampe anche con l'aiuto e il supporto di alcune comuni piante naturali....
Cura dell'Animale

Coniglio: i cibi da evitare

Il coniglio, dopo il cane ed il gatto, è diventato uno degli animali più diffusi nelle case degli italiani. Il suo passaggio da animale da cortile a pet è dovuto al fatto che, oltre ad essere molto simpatico e tenero, sono in molti a ritenere che sia...
Cura dell'Animale

Cos'è la rogna del coniglio e come curarla

Il problema degli acari della pelle, più comunemente conosciuto come rogna, è la malattia più comune della pelle dei conigli. Invisibili agli occhi, gli acari tendono facilmente a diffondersi sul fieno e nella biancheria da letto e, mentre non costituiscono...
Cura dell'Animale

5 errori da evitare nella cura del coniglio

In Italia, al terzo posto tra gli animali domestici più diffusi, dopo cane e gatto, si trova il coniglio. È proprio così: sono in molti tra i nostri connazionali a scegliere questo buffo animaletto, che appartiene alla famiglia dei leporidi, come animale...
Cura dell'Animale

Come tagliare le unghie ad un coniglio da compagnia

Le unghie rappresentano delle strutture trasparenti con le quali terminano le dita di moltissimi animali, tra i quali, ovviamente, anche i conigli. Tali strutture rappresentano dunque una parte molto importante per un coniglio ed è dunque necessario...
Cura dell'Animale

Alimenti da non dare al coniglio

Tra gli animali domestici più in voga negli ultimi anni figurano sempre più spesso i conigli. Ne esistono di tantissime razze differenti, dai coniglietti nani, ai testa di leone e molti altri ancora. Sono animali molto affettuosi che possono far divertire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.