Le razze più grandi di lucertole

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Animali a sangue freddo le lucertole sono una razza molto antica di animali, presenti sin dai dinosauri, per questo molto variegata, infatti se ne contano migliaia di specie di rettili tutte diverse, e non mancano gli esemplari strani, oppure gli esemplari enormi. Dagli esemplari volanti agli esemplari capaci di vivere sia in acqua e sulla terra, il mondo delle lucertole è sicuramente uno dei più affascinanti dal punto di vista biochimico. Nei prossimi paragrafi analizzeremo le razze più grandi di lucertole.

26

Gli antichi alligatori

Gli Alligatori sono una specie molto antica già sviluppatasi nell'Era Mesozoica. Sono molto grandi e possono arrivare fino a 2 metri. Si trovano principalmente nell'America del Sud, sono animali pericolosi ed è sempre meglio starne alla larga. Vivono in paludi e ambienti umidi, ma in alcuni luoghi è possibile persino trovarseli in giardino o alla porta, come è accaduto ultimamente in Carolina.

36

Il Drago di Komodo

La lucertola più grande del mondo è il Varanus komodoensis Drago di Komodo, che arriva a pesare fino a 170 kilogrammi. Ha una vista che arriva fino a 300 metri, e anche l'olfatto è molto ben sviluppato, infatti attraverso questo senso capisce se il cibo è buono o no. Se ve lo ritrovate in giardino o a meno di 300 metri di distanza è meglio che cerchiate riparo in un luogo sicuro.

Continua la lettura
46

Il pitone Indiano

Il Pyton Molurus è un pitone indiano che può arrivare fino a 7,6 metri di lunghezza e pesare fino a 140 chili. Questo animale è capace a mangiare di tutto, rettili roditori, in un sol boccone, impiegando fino a 20 giorni per digerire la preda. È capace di stare in apnea fino a 30 minuti se necessario per cacciare le sue prede. Un animale davvero enorme e molto pericoloso. Occhio se avete intenzione di andare in viaggio in India.

56

La tartaruga gigante

La Geochelone nigra è la tipica tartaruga gigante che vive presso le isole Galapagos. Sebbene innocui e molto lenti, questi animali possono raggiungere una lunghezza di vita fino a 100 – 150 anni e un peso di oltre 300 kilogrammi. Purtroppo il numero della specie si è ridotto a soli 20000 esemplari da quando i cacciatori hanno iniziato a rubare le uova, nonostante ciò resta uno degli animali più affascinanti e grandi del pianeta.

66

Il caimano occhialuto

Il Caiman crocodilus più comunemente detto caimano, vive pressappoco nelle Americhe centrali e subtropicali in laghi, paludi e corsi d'acqua. Si nutre prevalentemente di pesci e d è molto grande, può arrivare alla lunghezza di quasi due metri. È soprannominato occhialuto per la particolare forma degli occhi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allontanare le lucertole dal terrazzo

Le lucertole, essendo della famiglia dei rettili, sono animali a sangue freddo: la loro temperatura varia con quella dell'ambiente. Al mattino, non appena uscite dai loro rifugi, molte lucertole si crogiolano al sole per riscaldarsi prima di intraprendere...
Rettili e Anfibi

I principali rettili delle paludi Italiane

Quando pensiamo ai rettili delle paludi in genere immaginiamo i grandi coccodrilli che infestano gli specchi d'acqua degli Stati Uniti o dell'Australia, oppure gli enormi serpenti della jungla. A questi animali particolari e misteriosi il cinema mondiale...
Rettili e Anfibi

Come addomesticare una lucertola

In primavera ed in estate, al fresco dei cortili, può capitare di incontrare delle lucertole ferme sopra una pietra o un muretto. Questi piccoli animali sono rettili e appartengono all'ordine dei sauri. Hanno la testa schiacciata e triangolare, il corpo...
Rettili e Anfibi

Come distinguere un orbettino da un serpente

L'orbettino è un piccolo rettile che ti sarà sicuramente capitato di incontrare durante una passeggiata in campagna e forse anche nel giardino di casa tua! Purtroppo, pur essendo un animale completamente innocuo per l'uomo, viene spesso confuso con...
Rettili e Anfibi

I principali rettili innocui

Una delle specie animali più interessanti è indubbiamente quella dei rettili che racchiude una varietà molto ampia di specie animali. Non si tratta di una cqtegoria particolarmente amata dalla maggior parte delle persone in quanto i rettili sono spesso...
Rettili e Anfibi

Come addomesticare un'iguana

Fra i sauri, gruppo di rettili al quale appartengono le lucertole, l'iguana si presenta di dimensioni maggiori. La lunghezza varia da un minimo di 180/250 cm fino a raggiungere, in alcune specie, anche i sei metri. Dimensioni mai comunque raggiunte dall'iguana...
Rettili e Anfibi

Come Riconoscere il ramarro

Con la seguente guida andremo a parlare di Ramarro. Nello specifico, come avrete compreso attraverso la lettura del titolo stesso, ora andremo a parlare, in modo particolare, di Come Riconoscere il ramarro.Il ramarro è una lucertola tipica delle regioni...
Volatili

Come alimentare un tucano

Quando si adotta un animale, è fondamentale sapersi prendere cura di lui in maniera perfetta, in modo da farlo crescere sempre in perfetta forma e non fargli mai mancare niente. Su internet potremo facilmente trovare delle guide che ci forniranno tutte...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.