Metodi per allevare i vermi della farina

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

A volte i nostri animaletti domestici possono sembrare strani per molti, ma sono i nostri cuccioli e per loro vogliamo solo il meglio. Se abbiamo pesci o rettili sappiamo perfettamente che il mangime può essere molto costoso, ma che alla fin fine si tratta effettivamente soltanto di larve seccate. Tanto vale quindi preparare noi stesse un piccolo allevamento di vermi per poter sfamare i nostri simpatici compagni. Vediamo quindi come si fa ad allevare i vermi della farina seguendo i metodi migliori.

26

Preparare il terrario

Per preparare gli ambienti per le larve servono due vasche di plastica con coperchi perforati in modo tale che le nostre colonie possano respirare tranquillamente. Serviranno contenitori piuttosto capienti, da una quarantina di litri ciascuno. Ricordate che è di fondamentale importanza che le vasche siano due, perché le larve e gli adulti devono essere separati ed è indispensabile contenitori non siano di legno perché le larve sono estremamente voraci tanto da riuscire a mangiarselo.

36

Preparare il mangime

Procurati del mangime per animali in granaglie in modo tale da poter nutrire le larve e mescolalo con un po' di farina, meglio se integrale, in modo tale da favorire anche gli esemplari più piccoli. Se vuoi fare in modo che il tuo animaletto riceva nutrienti particolari puoi anche aggiungere ossa tritate, crusca, frutta o mangime per insetti che permettono un apporto differenziato di nutrienti e consentono così una variazione della dieta.

Continua la lettura
46

Avviare l'allevamanto

Acquista un sacchetto di vermi della farina e metterli tutti nello stesso contenitore che dovrà essere grande a sufficienza da garantire il giusto apporto di nutrienti per il tuo animaletto. Con circa mezzo chilo di vermi riuscirai a far partire l'allevamento e al tempo stesso ad avere sottomano il cibo necessario per il tuo animaletto in attesa che le larve si sia moltiplicate, raggiungendo la fase adulta per la quale si deve poter aspettare in alcuni casi anche qualche mese.

56

Regolare il clima

Per avere un buon ciclo ed una resa veloce ricorda che temperatura del terrario dovrà essere abbastanza alta, circa 20-25 gradi, così come il tasso di umidità. Quindi puoi aggiungere ad esempio un vasetto di plastica pieno di acqua per garantire che l'evaporazione mantenga il tasso ai livelli ottimali. Ogni tanto ricorda di rimboccare le granaglie per essere sicura che i vermi abbiano il giusto nutrimento, e nell'arco di qualche mese dovresti avere ottenuto la popolazione più che raddoppiata.

66

Gestire i cicli riproduttivi

Per un buon risultato è indispensabile che vermi si riproducano, quindi ricorda che gran parte degli adulti e dovrebbe stare nella vaschetta fino a quando le piccole larve cominceranno a venir fuori. A quel punto devi separare larve e uova dagli adulti, che vanno spostati in un nuovo contenitore, in modo tale che le larve possano mangiare e crescere, mentre gli adulti continueranno il loro ciclo vitale. Ogni volta che popolazione delle larve nel terrario degli adulti inizierà ad essere rilevante dovrei ripetere il ciclo di separazione spostando i vermi tutti insieme e tenendo gli insetti sempre separati. Ricorda In ogni caso che una parte delle larve dovrà arrivare alla maturità per giustificare l'investimento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come allevare i vermi da pesca

Tutti gli appassionati di pesca, sapranno che quando si parla di esche vive, si parla di vermi. Ne esistono di diversi tipi, quelli rossi ad esempio servono per pescare i pesci più piccoli. L'acquisto dei lombrichi può diventare una spesa onerosa per...
Invertebrati e Insetti

Come allevare lumache da compagnia

Tantissime persone nutrono un hobby davvero particolare, ovvero allevare lumache da compagnia. Ebbene sì, grazie a semplici ed utili consigli è possibile prendersi cura di questi animaletti favorendo la loro riproduzione. In questo modo, inoltre, non...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le lumache in giardino

In anni recenti non sono pochi a chiedersi come allevare le lumache in giardino. L'elicicoltura, infatti, è un'idea interessante per mettere a frutto un piccolo appezzamento verde inutilizzato. Le chiocciole fanno parte della gastronomia tradizionale,...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le farfalle in giardino e in serra

Allevare delle farfalle è piuttosto semplice, ed è una pratica in forte espansione anche in Italia. In riferimento a ciò nei passi successivi troverete una guida dettagliata su come allevare le farfalle in un giardino o in serra, e nel contempo anche...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le farfalle

La farfalla è senza ombra di dubbio uno degli esseri viventi più affascinanti che popolano la Terra. La sempre maggiore urbanizzazione, però, rischia di distruggere il loro habitat naturale e, di conseguenza, di mettere a rischio la stessa sopravvivenza...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le coccinelle

Il termine coccinella deriva dal greco "Kòkkinos" o latino "Coccinus", che significa "rosso scarlatto". È proprio da tale caratteristica che deriva il nome di tali insetti. Fin dall'antichità sono considerate simbolo di buon auspicio, reputazione dovuta...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le dafnie

Se per i pesci del vostro acquario marino avete bisogno di cibo vivo, allora vi conviene organizzare la coltura delle dafnie. Si tratta di piccolissimi esemplari appartenenti alla famiglia dei crostacei, e per riprodurle basta soltanto un minimo di tempo...
Invertebrati e Insetti

Come allevare i granchi di mare

Il mondo marino è sicuramente molto affascinante per via dei suoi scenari ed anche della sua fauna. L'acqua non è il vostro elemento naturale ma almeno una volta nella vita ne sarete rimasti affascinati ed avrete osservato non solo come si presenta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.