Rettili e condominio: la corretta coabitazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Oggi sono sempre di più le persone che scelgono di adottare un rettile come animale domestico; tra questi primeggiano tartarughe, iguane, scorpioni, ragni e persino serpenti. Questi animali, però, essendo alcuni anche pericolosi per gli esseri umani, devono essere sistemati in delle gabbie appositamente progettate; quindi, non possono essere lasciati liberi di circolare per la casa, come invece accade per cani, gatti ed altri animali da compagnia. Pertanto, prima di portare in casa dei rettili, occorre essere consapevoli che ci sono una serie di regole da rispettare, soprattutto se si vive in un condominio, per far sì che ci sia una corretta coabitazione.

25

La prima cosa da valutare, quando si desiderano acquistare dei rettili da inserire all'interno di un appartamento, è valutare l'affidabilità del venditore; infatti, non sono pochi i casi nei quali è possibile trovare in vendita delle specie protette, ad esempio quando l'animale viene acquistato da venditori improvvisati nel corso di vacanze in luoghi esotici. Essenziale è la presenza del certificato CITES; si tratta di un documento che deve essere rilasciato dal negozio o dall'allevatore e che assicura in merito alla legittimità della vendita. Per alcuni Comuni è obbligatorio anche effettuare una richiesta, solitamente al sindaco o alla ASL, che potranno verificare la possibilità dell'appartamento di accogliere il rettile in modo adeguato.

35

Fino al 2013 il Regolamento di condominio poteva porre il divieto di detenere animali in grado di arrecare disturbo o di causare danno agli altri condomini; inoltre, altre limitazioni potevano essere poste in merito alla circolazione degli animali negli spazi comuni. L'introduzione della nuova legge 220/2012, entrata in vigore il 18 giugno 2013, non ammette più il divieto di possedimento di un animale da compagnia, oltre a consentirgli l'utilizzo delle aree comuni. Tale legge ha, però, stabilito dei paletti che tutelano gli altri condomini, che potranno richiedere l'allontanamento degli animali per danneggiamento, disturbo della quiete pubblica ed emissione di cattivi odori.

Continua la lettura
45

Il dubbio che tale legge non aiuta a chiarire è se per "animale da compagnia" si possa intendere anche un rettile. Sicuramente un serpente, un'iguana o un camaleonte non dovranno mai avere la possibilità di creare un pericolo all'esterno dell'appartamento. Pertanto, è necessario acquistare un terrario nel quale il rettile dovrà essere tenuto, senza che abbia la possibilità di uscirne; ovviamente il terrario dovrà avere dimensioni sufficienti per garantirne una sopravvivenza senza problemi.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allevare rettili

I rettili sono un'insolita passione. La prima domanda da porsi è il tipo di investimento economico che possiamo permetterci a riguardo. Dopodiché l'esperienza insegna che è bene cominciare da un esserino più semplice nella gestione, che non sia soggetto...
Rettili e Anfibi

I principali rettili delle paludi Italiane

Quando pensiamo ai rettili delle paludi in genere immaginiamo i grandi coccodrilli che infestano gli specchi d'acqua degli Stati Uniti o dell'Australia, oppure gli enormi serpenti della jungla. A questi animali particolari e misteriosi il cinema mondiale...
Rettili e Anfibi

I rettili legali in Italia

I rettili sono animali dal fascino immenso. Alcune specie sono antichissime e averle vicino può farci sentire come se fossimo nel loro habitat, nel deserto australiano o nei canyon americani. Tuttavia, in Italia, esistono regole ben precise su quali...
Rettili e Anfibi

I rettili più pericolosi al mondo

Studiare gli animali è un qualcosa di molto bello e di molto divertente. Tra i vari animali, ce ne sono alcuni molto belli ed affascinanti che spesso vengono sottovalutati, ad esempio i rettili. Molti dei rettili che ci sono in natura sono estremamente...
Rettili e Anfibi

Come allevare insetti da pasto per rettili

Gli insetti vivi, in particolare i grilli, sono l'elemento principale nell'alimentazione dei rettili. È possibile acquistare grilli vivi nei negozi specializzati, ma allevare e crescere da soli i propri insetti è ancora meglio, perché curandoli e alimentandoli...
Rettili e Anfibi

Rettili: 10 curiosità che forse non sapevi

I rettili sono tra gli animali più belli e misteriosi che esistano. Il loro fascino si protrae da molti secoli ed ha sempre interessato studiosi, ricercatori e appassionati comuni. Questi animali hanno anche molte caratteristiche sconosciute ai più....
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare una tartaruga di acqua dolce

Facilmente reperibili nei negozi di animali o nelle fiere a prezzi accessibili, le tartarughe di acqua dolce hanno origini antichissime. Una corretta alimentazione ed il rispetto delle abitudini, le rendono molto longeve. Solitamente questi rettili sono...
Rettili e Anfibi

Come tenere un serpente in casa

Se siamo degli amanti degli animale e ci piacerebbe allevare un serpente in casa, per prima cosa dovremo essere sicuri di riuscire a prenderci sempre cura di lui, in modo da farlo crescere sempre in perfetta forma. Per riuscirci dovremo ricercare delle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.