Specie animali che vanno in letargo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il mondo degli animali è ricco di sorprese. Tra nuove specie e novità riguardo gli animali più stravaganti, è sempre una gioia scoprire qualcosa in più sul fantastico mondo degli animali. Anche loro hanno un'anima dopotutto. Come ben sapete, durante il periodo invernale, esistono animali che vanno in letargo. Il letargo, o ibernazione, consiste nel diminuire il battito cardiaco, la temperatura corporea e il metabolismo del corpo. Gli animali effettuano questa operazione durante tutto l'inverno, per poi svegliarsi in primavera. È come una sorta di sonno profondo, che dura per mesi e mesi. Non tutti gli animali, però, vanno in letargo. Nella guida di oggi vedremo, infatti, le specie animali che vanno in letargo.

26

Tartarughe

Le tartarughe sono una delle specie di animali più conosciute. Molti di noi le possiedono nel proprio giardino e le tengono con meticolosa cura. Durante i periodi più freddi, come l'inverno, la tartaruga va in letargo completo fino alla primavera. Dopo di ciò, depongono le uova, che si schiuderanno prima dell'inizio dell'autunno. Solitamente le tartarughe si rifugiano sotto il terreno per riposare e fecondare le uova.

36

Scoiattoli

Gli scoiattoli vanno in letargo in modo particolare. Infatti il loro non è un letargo completo. Durante i periodi caldi dell'anno raccolgono provviste per il letargo. Una volta inverno, dormono per quasi tutto il periodo freddo. Ci sono momenti, però, in cui si svegliano per cibarsi delle provviste che hanno raccolto. Allo stesso modo fanno gli orsi.

Continua la lettura
46

Marmotte

Una specie di animali che fa un letargo completo è la marmotta. Oltre a dormire per tutto l'inverno, godono di una grande compagnia. Infatti, le marmotte si riuniscono in gruppi di 15-20 esemplari. Successivamente, bloccano la tana con della paglia e riposano tutti insieme. Una scena molto dolce da vedere.

56

Ghiri

Il famoso detto "dormire come un ghiro" non è soltanto una metafora. Il ghiro è una tra le specie animali più dormienti di tutte. Il loro periodo di letargo va da ottobre a maggio dell'anno successivo. Per riposare utilizzano la loro coda come coperta. Anche durante i mesi caldi possono dormire il dì e svegliarsi di notte, un po' come i pipistrelli.

66

Ricci

Concludiamo con un altra specie che gode di ottimo letargo. I ricci dormono per 12 ore al giorno durante i mesi estivi, mentre d'inverno vanno completamente in letargo. Se avete un giardino, è possibile avvistarli d'estate durante la sera tardi. Non amano molto, però, mostrarsi all'aria aperta.
Con questo si conclude la guida sulle specie animali che vanno in letargo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Specie animali che depongono più uova

Se amiamo gli animali, studiare la vita ed i comportamenti degli animali si rivela un qualcosa di molto bello ed allo stesso tempo anche di molto appassionante. Tra le varie specie di animali, sono in molte quelle che depongono le uova, in questa vedremo...
Cura dell'Animale

Regole da rispettare per garantire un buon letargo alla tartaruga

Le tartarughe sono degli esseri viventi che vanno in letargo ogni anno, ed in determinati periodi a seconda del luogo e del clima in cui vivono. Se dunque in casa abbiamo uno di questi esemplari, è importante consentirgli di andare in letargo, seguendo...
Cura dell'Animale

Come comportarsi durante il letargo delle tartarughe

Le tartarughe, seguendo l'esempio di altri animali che vivono in ambienti temperati, durante la stagione invernale devono ritirarsi in letargo per non rischiare di avere, successivamente, problemi legati al metabolismo. Con l'arrivo della primavera riprenderanno...
Cura dell'Animale

Come adottare una specie a rischio con WWF

In questo articolo molto semplice e facile, andremo ad analizzare tutti quanti gli aspetti della questione. Vedremo inoltre come sarà possibile fare per adottare una specie a rischio con WWF. Il WWF combatte minacce per questi animali, collegando il...
Cura dell'Animale

Guida ai principali animali onnivori

Gli animali hanno conquistato il dominio del pianeta grazie all'adattabilità del comportamento e alle notevoli capacità di movimento. A secondo del cibo di cui si nutrono, essi si classificano in tre grandi gruppi: carnivori, erbivori e onnivori. Mentre...
Cura dell'Animale

Gli animali più strani del mondo

La natura ci ha sempre meravigliato e sorpreso per tutte le sue creazioni, da questo punto di vista, sono milioni le tipologie e le razze di animali, che ci sorprendono per la loro bellezza. Ma esistono anche delle specie molto strani e stravaganti nell'aspetto,...
Cura dell'Animale

Come avviene il fenomeno della migrazione degli animali

La migrazione rappresenta uno spostamento di un qualsiasi essere, da quella che è la sede abituale verso un'altra, che risulti essere più congeniale ed adeguata a delle nuove necessità. Il fenomeno della migrazione caratterizza molte specie animali...
Cura dell'Animale

Gli animali a rischio estinzione

Il WWF, che tutti noi sappiamo essere la sigla del World Wide Fund, dopo una attenta e costante analisi, ha pubblicato un elenco di otto animali più a rischio di estinzione nei prossimi anni, causato dal cambiamento climatico che caratterizza il globo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.