Tartaruga: quando non può andare in letargo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le tartarughe sono animali meravigliosi e talvolta diventano anche longevi animali da compagnia. Ogni tartaruga trascorre gran parte dell'inverno nel proprio guscio, consumando le riserve di grasso corporeo accumulate nella parte restante dell'anno. Tuttavia, quando le tartarughe non sono pronte per andare in letargo, durante il periodo invernale rischiano di perdere la vita. Per questo motivo, è fondamentale controllare se la propria tartaruga è pronta per andare in letargo oppure no. Oggetto di questa guida sarà spiegare quando una tartaruga non può andare in letargo, e quando, invece, dovrebbe andarci. Prima che questo animale vada in letargo, ci sono degli accorgimenti da prendere in considerazione, altrimenti potrebbe non sopravvivere all'inverno.

26

Tartarughe malate o ferite

Innanzitutto, occorre sapere che le tartarughe malate o ferite non possono andare in letargo perché, a causa di un forte rallentamento di tutte le attività fisiologiche durante il periodo letargico, viene rallentata anche la guarigione, rendendo quindi difficile la sopravvivenza dell'animale.

36

Simulare il loro habitat

Inoltre, le tartarughe devono vivere in un ambiente adatto, simile al loro habitat naturale. Quindi, chi tiene una tartaruga a casa deve possedere un terrario di vetro riscaldato che possa garantire la temperatura corporea ideale dell'animale per permetterne la sopravvivenza.

Continua la lettura
46

Caratteristiche del terrario

È importante che la grandezza del terrario abbia una larghezza almeno dieci volte superiore alla grandezza dell'animale.
Per garantire la giusta temperatura, sono necessarie delle lampadine da 100 watt ed è preferibile fornire luce a lampada ultravioletta, che simuli le caratteristiche di quella solare. La lampada deve essere situata solo ad una estremità della teca, in modo che venga riscaldata solo da una parte, permettendo che ci sia una zona di caldo ed una di freddo. La tartaruga deve quindi avere la possibilità di scegliere liberamente dove posizionarsi, per regolare la propria temperatura interna.

56

L'importanza di un rifugio

È bene creare due rifugi: uno posto in prossimità del punto più caldo, ed uno nelle vicinanze del punto più freddo. Per creare il rifugio si possono usare cartone e vasi di terracotta. Per le giovani tartarughe è importante ricoprire il fondo del terrario di terriccio. Per le tartarughe più anziane, che tendono a sporcare maggiormente, sarebbe meglio ricoprire il fondo del contenitore con dei giornali da cambiare periodicamente. Per assicurare la sopravvivenza all'animale, è necessario non dimenticarsi di mettere un piccolo recipiente pieno d' acqua.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

Come allevare una tartaruga di terra in giardino

Allevare le tartarughe di terra è davvero facile con le giuste informazioni e mantenimento corretto. Il giardino è il luogo più adatto per loro, più a contatto con quello che è il loro habitat naturale. Basta avere pochi semplici accorgimenti e riuscirete...
Animali da Compagnia

Come prendersi cura di uno scoiattolo Tamia

Sempre più spesso lo scoiattolo tamia, viene venduto come animale domestico, ma purtroppo in pochi sanno veramente come prendersene cura. Gli scoiattoli tamia, non sono del tutto animali addomesticabili, quindi non potranno essere facilmente liberati...
Animali da Compagnia

Come tenere un procione come animale domestico

Il procione, pur essendo un mammifero, non è assolutamente da considerare come un cane o un gatto. Innanzitutto c'è da sapere che si tratta di un animale appartenente a una specie protetta, per cui è vietata sia la cattura che la detenzione anche perché...
Animali da Compagnia

10 consigli per allevare uno scoiattolo

Fra i roditori che popolano gli ambienti boschivi lo scoiattolo è sicuramente quello più noto e simpatico. In natura trascorre la maggior parte del suo tempo sugli alberi, essendo in grado di arrampicarsi e saltare abilmente. È tuttavia possibile prendersi...
Animali da Compagnia

I principali animali domestici esotici

Gli animali esotici per legge sono quegli animali la cui specie stabilmente o temporaneamente in stato di libertà sul territorio nel quale si detengono. Essi, quindi, necessitano di particolari cure, dato lo stato di detenzione in "cattività".Innanzitutto,...
Animali da Compagnia

Scoiattolo come animale domestico: alcuni consigli

Lo scoiattolo è uno dei pochissimi roditori di cui l'uomo si sia fatto amico: nonostante qualche inconveniente sgradevole può, infatti, essere tenuto come simpatico ospite nelle case. Se siete orientati all'adozione di uno scoiattolino, dovete solo...
Animali da Compagnia

Gli animali domestici preferiti dai bambini

Gli animali domestici aiutano a crescere. I bambini possono cominciare a rapportarsi con la parola "responsabilità" nel momento in cui vengono loro affidati i nostri cari amici pelosetti e non solo... Al vertice della nostra classifica, tra gli animali...
Animali da Compagnia

Come allevare lo scoiattolo giapponese

Fra le diverse specie di scoiattolo, quello giapponese si contraddistingue per il suo modo diverso di stare nell'ambiente. Questo, infatti, non tende a trascorrere il suo tempo fra i rami degli alberi, bensì risiede per lo più sul terreno, nel quale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.