Tartarughe: classificazione e anatomia

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Quando parliamo di tartarughe, nel linguaggio comune intendiamo le specie acquatiche, sia marine che di acqua dolce. Quando invece si parla delle tartarughe terrestri si usa il termine testuggini. Dal punto di vista tassonomico però non è così e con il termine tartaruga si comprende entrambi. Questi rettili così diffusi in tutto il nostro pianeta, hanno una storia davvero antica. Si considera che la loro presenza risalga all'incirca a 220 milioni di anni fa, nel periodo del tardo Triassico. Le tartarughe riuscirono a sopravvivere, nonostante la catastrofe che distrusse tutti i grandi rettili. A tutt'oggi mantengono lo stesso particolare aspetto, con la presenza di un grande guscio e con la testa e le zampe retrattili. Le tartarughe sono presenti in quasi tutti i continenti. Tranne l'Antartide, nel quale il clima non consente la loro sopravvivenza. Qui di seguito troveremo alcune utili informazioni sulla classificazione e l'anatomia delle tartarughe.

28

Occorrente

  • Interesse per le tartarughe
38

Classificazione

Le tartarughe fanno parte dell'ordine Testudines o Chelonia. Si suddividono poi principalmente in due sottordini: le Cryptodira e le Pleurodira. Le prime formano un gruppo più nutrito, comprendendo le tartarughe marine, quelle di terra e gran parte di quelle di acqua dolce. Le seconde della classificazione sono prevalentemente tartarughe di acqua dolce. Tutte, comunque, posseggono una comune caratteristica: la respirazione dell'aria. Un'altra peculiarità di tutte le tartarughe è la deposizione delle loro uova, che non avviene mai nell'acqua. Alcune di queste specie possono vivere (oltre che in mare, sulla terra o in acqua dolce) anche in ambienti misti. Una particolarità che contraddistingue le tartarughe è la loro longevità. Anche se la loro durata di vita è in relazione alla specie di appartenenza. Le più longeve in assoluto sono le tartarughe giganti, che vivono oltre la soglia dei cento anni di età.

48

Differenze tra le specie

Parliamo ora delle differenze tra le tartarughe d'acqua e quelle terrestri. Chiaramente le prime differenze evidenti sono quelle legate alle zampe. Da un lato abbiamo un tipo di zampa evoluto per consentire la natazione con la formazione di una serie di membrane tra le dita. Le tartarughe di terra invece non hanno queste membrane. Le loro zampe hanno una forma a tubo con dita più sviluppate. Passiamo al guscio. Le tartarughe d'acqua hanno un guscio liscio e morbido che le aiuta nel movimento. Invece le tartarughe di terra hanno una corazza più dura e resistente con forma irregolare. Le differenze non si limitano all'anatomia delle due specie. C'è una grande differenza anche in termini di longevità. Mentre le tartarughe terricole sono più longeve arrivando a vivere più di cento anni, quelle d'acqua vivono in media 15-20 anni. Dal punto di vista del temperamento invece possiamo notare che le tartarughe acquatiche sono più tranquille e interagiscono meno con le persone. Quelle di terra invece sono più soggette ad interazione e per questo hanno un temperamento più attivo. Basti pensare al carattere aggressivo di una tartaruga alligatore.

Continua la lettura
58

Anatomia

Questi rettili hanno il corpo rinchiuso in un guscio formato da piastre ossee. La porzione dorsale è detta scudo mentre quella ventrale è detta piastrone. Queste due formano due aperture, una anteriore per il capo e arti anteriori, e una posteriore, da cui escono coda e arti posteriori. Lo scheletro facciale è saldato al cranio. Il palato separa la cavità boccale dalle fosse nasali. Le mascelle sono prive di denti ad eccezione di qualche fossile arcaico. Le vertebre e coste sono nella regione toracica saldate insieme. Il guscio è coperto o no di piastre cornee. Gli arti sono adatti sia al movimento sulla terra che trasformati in pale adatte al nuoto. Il resto del corpo è costituito da tegumento più o meno sottile a seconda delle specie. In alcune si formano scaglie cornee o piastre ossee dermiche. Il sistema muscolare è quasi scomparso nel torace mentre è molto sviluppato nel collo e negli arti. Il sistema nervoso è tipico del piano rettiliano. L'apparato respiratoria presenta polmoni molto complicati. Il movimento del collo e degli arti uniti ad un'ampia dilatazione della faringe favorisce il ricambio di una grande quantità di aria che viene spinta nei polmoni. Questo per sopperire all'assenza di movimento della gabbia toracica.

68

Riproduzione

C'è un accoppiamento e dopo la fecondazione la femmina depone le uova in buche nel terreno. Il numero di uova deposte varia a seconda della specie e va da una dozzina fino ad un centinaio di uova. Alla nascita i piccoli sono già perfettamente formati. Hanno un guscio però ancora molle, quindi sono facilmente preda uccelli, pesci e altri animali. Solo dopo parecchi anni la corazza raggiunge la massima durezza e resistenza.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Le tartarughe sono animali affascinanti e sorprendenti. Osservandole si possono scoprire delle abitudini e dei comportamenti impensabili.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Il letargo nelle tartarughe mediterranee

Se siete degli appassionati di tartarughe o se possedete delle tartarughe mediterranee e vorreste capire un po' di più dei meccanismi che regolano il loro stile di vita, questa guida fa al caso vostro. Le tartarughe mediterranee sono tra le specie di...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
Rettili e Anfibi

Come Costruire un terrario per le tartarughe di terra

Hai trovato delle tartarughe in giardino e non sai dove metterle? Sono nate delle nuove tartarughe? Se rientri in questi casi e non vuoi lasciarle libere per il giardino sei sul sito giusto! Questa Guida spiega come costruire un ottimo terrario per le...
Rettili e Anfibi

Come costruire una casetta per tartarughe

La maggior parte delle persone ama la compagnia degli animali domestici. Tra questi, cani e gatti sono i più diffusi in assoluto. Ma c'è anche chi ama circondarsi di animali un po' più 'esotici'. È il caso quindi delle tartarughe. Quest'ultimo possono...
Rettili e Anfibi

Come costruire un acquaterrario per tartarughe

Uno dei motivi principali che spingono una persona ad adottare una tartaruga è senza dubbio il poco impegno che richiede la cura giornaliera delle tartarughe d'acqua dolce. Infatti in estate è sufficiente dare loro da mangiare una volta al giorno e...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare tartarughe

Le tartarughe sono animali molto affascinanti e dall'aspetto preistorico. In effetti le tartarughe sono un po' preistoriche, ed hanno la straordinaria capacità di vivere per molti e molti anni, diventando centenarie. Si tratta dunque di un animale longevo,...
Rettili e Anfibi

Come far accoppiare le tartarughe

Fra tutti gli animali che decidiamo di rendere compagni della nostra vita, i rettili sono quelli più complessi da allevare in cattività. Ad ogni modo è possibile ridurre al minimo i problemi e raggiungere degli ottimi risultati. Qui di seguito vi parleremo...
Rettili e Anfibi

Come evitare che le tartarughe escano dal rettilario

Le tartarughe sono creature affascinanti, con comportamenti e abitudini davvero sorprendenti! Animali docili, socievoli e longevi sanno donare molto a chi si occupa di loro ma hanno bisogno di attenzioni ben precise. Intelligenti e curiose riescono molto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.