Tartarughe d'acqua: 5 cose utili da sapere

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se in casa abbiamo deciso di allevare delle tartarughe d'acqua, è importante sapere che per farle vivere a lungo e crescere bene, sono necessari alcuni fondamentali accorgimenti. Si tratta infatti, di quelli strettamente strutturali, ma anche funzionali e comportamentali da parte nostra. Nei passi successivi di questa lista, troviamo quindi 5 cose utili da sapere sulle tartarughe d'acqua.

26

Devono essere alimentate con cibi liofilizzati

Contrariamente alle tartarughe terrestri, quelle d'acqua devono essere alimentate solo ed esclusivamente con cibi liofilizzati quindi specifici per loro, ed acquistabili nei negozi specializzati. Da evitare è la classica foglia di lattuga, poiché favorisce la defecazione che nell'acqua tende a generare batteri, che talvolta risultano letali ai fini della loro sopravvivenza.

36

Vanno inserite in una vasca con un isolotto galeggiante

Le tartarughe d'acqua seppur identificate con questo appellativo, amano anche vivere fuori dalla vasca, per cui all'atto della realizzazione di un terrario tutto per loro (una vaschetta tonda e bassa), vanno inserite dopo aver posizionato anche un isolotto galleggiante, che gli consenta di poterci salire sopra. Questa funzione fisiologica è importante, poiché troppo tempo nell'acqua crea problemi al guscio, che se diventa molle, si stacca con la conseguente morte dei piccoli rettili.

Continua la lettura
46

Bisogna evitare di tenere le tartarughe tra le mani

Se in casa abbiamo dei bambini che intendono giocare con questi graziosissimi esemplari, bisogna evitare di tenere le tartarughe tra le mani, poiché potrebbero farle ammalare a causa degli acidi naturali in esse contenute, e tra l'altro delle involontarie pressioni con le dita sulla corazza, potrebbero causare dei problemi che metterebbero a rischio lo loro sopravvivenza.

56

Lasciare le tartarughe al sole non è prudente

Un altro accorgimento di carattere strutturale a cui facevamo accenno in fase introduttiva di questa lista, riguarda ancora la vaschetta; infatti, è importante sapere che non bisogna lasciare le tartarughe d'acqua al sole. Ciò infatti non è prudente, poiché specie d'estate, la corazza potrebbe seccarsi eccessivamente fino a creparsi irrimediabilmente.

66

Cambiare l'acqua ogni giorno alle tartarughe

Le tartarughe sono quindi molto delicate se allevate in casa, e tra le altre cose da sapere vale la pena aggiungere il cambio totale dell'acqua che deve avvenire tutti i giorni, per evitare lo sviluppo delle larve rilasciate dai moscerini, che poi attaccandosi al corpo della piccola testuggine, rischierebbero di farla ammalare. L'acqua del rubinetto è in questo caso la migliore, anche se conviene utilizzare quella appositamente conservata in una bottiglia la sera prima, sia per averla ad una temperatura ottimale che per far depositare il calcio sul fondo, evitando quindi di versarlo nella vaschetta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come prendersi cura delle tartarughe di acqua dolce

Le tartarughe sono degli animali abbastanza belli e riescono in un certo senso anche ad essere affascinanti. Se si amano questi animali si possono comprare delle piccole tartarughe di acqua dolce. Se si decide di acquistare le tartarughe bisogna garantire...
Rettili e Anfibi

Tutto sulle tartarughe d'acqua

Allevare un animale non è un'operazione facile o banale. Questo perché quando si decide di allevare un animale bisogna conoscere le sue abitudini, lo stile di vita e l'habitat adatto. Questi sono tutti fattori fondamentali per permettere all'animale...
Rettili e Anfibi

Tartarughe d'acqua: come avviene la riproduzione

Se avete la passione per le tartarughe ed in particolare per quelle d'acqua, ed intendete riprodurle, potete farlo seguendo però delle specifiche linee guida. In riferimento a ciò, nei passi successivi troverete tutte le informazioni che vi servono...
Rettili e Anfibi

Come Realizzare Un Filtro Per L'Acquario Delle Tartarughe D'Acqua Dolce

Le tartarughe d'acqua dolce, se allevate bene, crescono molto rapidamente e non possono rimanere all'interno di una vaschetta, poiché soffrirebbero parecchio. Un acquario che si rispetti ha però bisogno di un filtro, il quale se realizzato in maniera...
Rettili e Anfibi

Tartarughe: classificazione e anatomia

Le tartarughe, questi rettili così diffusi in tutto il nostro pianeta, hanno una storia davvero antica. Si considera che la loro presenza risalga all'incirca a 220 milioni di anni fa, nel periodo del tardo Triassico. Le tartarughe riuscirono a sopravvivere,...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
Rettili e Anfibi

Come costruire un acquaterrario per tartarughe

Uno dei motivi principali che spingono una persona ad adottare una tartaruga è senza dubbio il poco impegno che richiede la cura giornaliera delle tartarughe d'acqua dolce. Infatti in estate è sufficiente dare loro da mangiare una volta al giorno e...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare tartarughe

Le tartarughe sono animali molto affascinanti e dall'aspetto preistorico. In effetti le tartarughe sono un po' preistoriche, ed hanno la straordinaria capacità di vivere per molti e molti anni, diventando centenarie. Si tratta dunque di un animale longevo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.