Tartarughe d'acqua: come avviene la riproduzione

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Se avete la passione per le tartarughe ed in particolare per quelle d'acqua, ed intendete riprodurle, potete farlo seguendo però delle specifiche linee guida. In riferimento a ciò, nei passi successivi troverete tutte le informazioni che vi servono per sapere come avviene la riproduzione di questi esemplari.

24

La vasca non deve essere profonda

Raggiunta la maturità sessuale, il maschio si avvicina alla femmina nuotandole accanto e facendo vibrare i lunghi artigli in prossimità del muso, quasi come se la volesse accarezzare. In questi casi, dopo circa una quarantina di minuti, sarebbe utile separare le due tartarughe e riprovare magari dopo 2 o 3 giorni. Non sempre però la sua corte è accettata di buon grado, e a volte si può incorrere a violente lotte. La copula avviene sott'acqua in circa 15 minuti. Ricordate, però che, la vasca dove avverrà il corteggiamento non deve essere troppo profonda, allo scopo di evitare che durante l'accoppiamento la femmina abbia poi difficoltà nel risalire in superficie per respirare.

34

Riporre le uova in un'incubatrice

Rimuovendo le uova dal nido, è necessario riporle poi in un'incubatrice per almeno due mesi e mezzo. Qualora ne siate sprovvisti, potrete crearla sfruttando una cassetta in plastica ed avendo l'accortezza di praticare una dozzina di fori sul fondo, per assicurarne una corretta ventilazione. Anche dei contenitori di polistirolo sono tuttavia adatti per lo scopo. In entrambi i casi ricoprite il contenitore con uno strato spesso di torba, umidificandola e non inzuppandola. La rimozione è una fase delicata che va effettuata con molta cautela per evitare di danneggiare gli embrioni. È fondamentale inoltre riporre le uova nell'identica posizione di deposizione da parte della femmina in quanto la rotazione ne causa quasi sicuramente la morte.

Continua la lettura
44

Separare la femmina dal maschio

Durante la gestazione che può arrivare fino a due mesi, è bene separare la femmina dal maschio, per mantenerla il più tranquilla possibile. In questo periodo, i suoi movimenti saranno molto limitati e lenti, con possibilità di inappetenza o preferenza di alcuni specifici alimenti. Mantenetele l'acqua sempre pulita, spazio a sufficienza ed una buona esposizione al sole che favorirà il riscaldamento delle uova nel suo grembo. Questo sarà dunque il nido, dove la femmina deporrà dalle 2 alle 20 uova. Dopo la schiusa per completare il lavoro non vi resta che preparare la vasca dove le piccole tartarughe potranno svezzarsi, e per ottimizzare il risultato riempitela sul fondo con almeno 3 centimetri di terriccio molto morbido.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come Realizzare Un Filtro Per L'Acquario Delle Tartarughe D'Acqua Dolce

Le tartarughe d'acqua dolce, se allevate bene, crescono molto rapidamente e non possono rimanere all'interno di una vaschetta, poiché soffrirebbero parecchio. Un acquario che si rispetti ha però bisogno di un filtro, il quale se realizzato in maniera...
Rettili e Anfibi

Tutto sulle tartarughe d'acqua

Allevare un animale non è un'operazione facile o banale. Questo perché quando si decide di allevare un animale bisogna conoscere le sue abitudini, lo stile di vita e l'habitat adatto. Questi sono tutti fattori fondamentali per permettere all'animale...
Rettili e Anfibi

Tartarughe: classificazione e anatomia

Quando parliamo di tartarughe, nel linguaggio comune intendiamo le specie acquatiche, sia marine che di acqua dolce. Quando invece si parla delle tartarughe terrestri si usa il termine testuggini. Dal punto di vista tassonomico però non è così e con...
Rettili e Anfibi

Tartarughe di terra: 5 cose utili da sapere

Le tartarughe di terra, o tartarughe di Hermann (Testudo Hermanni) sono dei rettili della famiglia delle testuggini. Sono animali molto intelligenti e molto longevi che non superano i 25 cm di grandezza in età adulta. Ma cosa si può sapere di questi...
Rettili e Anfibi

Come seguire la nascita delle tartarughe

Le tartarughe sono sicuramente più amati ed adottati dagli umani, anche perché sono mansueti e innocui. A tal proposito, ci sono alcune persone che preferiscono acquistarle già adulte e limitarsi soltanto a crescere dandogli da mangiare; altri, invece,...
Rettili e Anfibi

Come far accoppiare le tartarughe

Fra tutti gli animali che decidiamo di rendere compagni della nostra vita, i rettili sono quelli più complessi da allevare in cattività. Ad ogni modo è possibile ridurre al minimo i problemi e raggiungere degli ottimi risultati. Qui di seguito vi parleremo...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare tartarughe

Le tartarughe sono animali molto affascinanti e dall'aspetto preistorico. In effetti le tartarughe sono un po' preistoriche, ed hanno la straordinaria capacità di vivere per molti e molti anni, diventando centenarie. Si tratta dunque di un animale longevo,...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.