Tartarughe di terra: 5 cose utili da sapere

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le tartarughe di terra, o tartarughe di Hermann (Testudo Hermanni) sono dei rettili della famiglia delle testuggini. Sono animali molto intelligenti e molto longevi che non superano i 25 cm di grandezza in età adulta. Ma cosa si può sapere di questi affascinanti animali, ecco 5 cose utili da tenere in mente se si decide di allevarne qualche esemplare come animale da compagnia.

26

Ambiente

Le tartarughe di terra non possono stare al chiuso, bisogna riservargli un posto ben definito nel proprio giardino recintando il terreno preposto per farle vivere liberamente, facendo in modo che siano protette da predatori e che abbiano sia una zona soleggiata che una d'ombra. In assenza di giardino si può costruire un terrario molto spazioso e con un substrato profondo almeno 25 centimetri composto da terriccio sabbia ed argilla. Ricordarsi che necessitano di un terreno asciutto e di stare all'aria aperta.

36

Letargo

Durante l'inverno la tartaruga andrà in letargo, normalmente si scava un buco nel terreno per svernare. Durante questo periodo la digestione cessa e la sonnolenza aumenta, quindi quando si vede che l'animale mangia di meno e dorme di più vuol dire che sta entrando in letargo. L'importante è che la temperatura non scenda troppo, di media deve stare tra i 2 e gli 11 gradi, per questo motivo cerca rifugio sotto terra.

Continua la lettura
46

Alimentazione

Le tartarughe sono erbivore, quindi mangiano le erbe e le piante che trovano nel loro spazio vitale, per questo più grande è il recinto meglio starà il vostro nuovo amico.
Le loro erbe preferite sono tarassaco, trifoglio, erba medica, piantaggine. In caso di necessità si può nutrirle con cicoria, radicchio o frutta come fragole, ciliege, albicocche...

56

Riproduzione

Tutte le tartarughe depongono le uova, la deposizione avviene in buche scavate nel terreno dalla femmina e poi l'incubazione è affidata al calore solare.
Il corteggiamento avviene dopo il letargo, il maschio insegue e morde la femmina simulando veri e propri combattimenti con sbuffi e grugniti, unico momento in cui si può udire qualche verso da parte del rettile.
Le femmine sono in grado di conservare gli spermatozoi e fecondare le uova fino a 4 anni di distanza dall'accoppiamento, normalmente le uova si schiudono dopo 2 o 3 mesi da quando sono state deposte.

66

Legislazione

Le tartarughe di terra sono inserite nella Red List delle specie in via di estinzione, quindi protetta dalla Convenzione di Berna, per cui è assolutamente vietato il prelievo in natura e l'allevamento e il commercio degli esemplari in cattività sono regolamentati. In Italia chi è preposto a sorvegliare e far rispettare le regole è il Corpo Forestale dello Stato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come far accoppiare le tartarughe

Fra tutti gli animali che decidiamo di rendere compagni della nostra vita, i rettili sono quelli più complessi da allevare in cattività. Ad ogni modo è possibile ridurre al minimo i problemi e raggiungere degli ottimi risultati. Qui di seguito vi parleremo...
Animali da Compagnia

Come allevare una tartaruga di terra in giardino

Allevare le tartarughe di terra è davvero facile con le giuste informazioni e mantenimento corretto. Il giardino è il luogo più adatto per loro, più a contatto con quello che è il loro habitat naturale. Basta avere pochi semplici accorgimenti e riuscirete...
Animali da Compagnia

Tartaruga: quando non può andare in letargo

Le tartarughe sono animali meravigliosi e talvolta diventano anche longevi animali da compagnia. Ogni tartaruga trascorre gran parte dell'inverno nel proprio guscio, consumando le riserve di grasso corporeo accumulate nella parte restante dell'anno. Tuttavia,...
Rettili e Anfibi

Come distinguere il sesso delle tartarughe

Le tartarughe sono animali appartenenti alla specie dei rettili e come tutti gli animali a sangue freddo, trascorrono le prime ore del giorno ad immagazzinare calore per poter riscaldare il proprio corpo ed attivare il proprio metabolismo. Strano a dirsi,...
Rettili e Anfibi

Come preparare il tartarugaio per il letargo

Al giorno d'oggi, sono innumerevoli le passioni degli esseri umani e tra queste, è possibile trovare anche quelle per gli animali. In particolar modo, si sta sviluppando sempre di più la passione nei confronti dei rettili come le tartarughe. Come si...
Rettili e Anfibi

5 modi per proteggere le tartarughe dal caldo

Le tartarughe, essendo rettili, sono creature eteroterme, il che significa che la loro temperatura corporea è la stessa dell'ambiente in cui vivono. Esse non sono, a differenza dei mammiferi, dotate di strutture che permettono di regolare il calore del...
Rettili e Anfibi

Come costruire un acquaterrario per tartarughe

Uno dei motivi principali che spingono una persona ad adottare una tartaruga è senza dubbio il poco impegno che richiede la cura giornaliera delle tartarughe d'acqua dolce. Infatti in estate è sufficiente dare loro da mangiare una volta al giorno e...
Rettili e Anfibi

Come costruire una casetta per tartarughe

La maggior parte delle persone ama la compagnia degli animali domestici. Tra questi, cani e gatti sono i più diffusi in assoluto. Ma c'è anche chi ama circondarsi di animali un po' più 'esotici'. È il caso quindi delle tartarughe. Quest'ultimo possono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.