Tartarughe di terra: 5 cose utili da sapere

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le tartarughe di terra, o tartarughe di Hermann (Testudo Hermanni) sono dei rettili della famiglia delle testuggini. Sono animali molto intelligenti e molto longevi che non superano i 25 cm di grandezza in età adulta. Ma cosa si può sapere di questi affascinanti animali, ecco 5 cose utili da tenere in mente se si decide di allevarne qualche esemplare come animale da compagnia.

26

Ambiente

Le tartarughe di terra non possono stare al chiuso, bisogna riservargli un posto ben definito nel proprio giardino recintando il terreno preposto per farle vivere liberamente, facendo in modo che siano protette da predatori e che abbiano sia una zona soleggiata che una d'ombra. In assenza di giardino si può costruire un terrario molto spazioso e con un substrato profondo almeno 25 centimetri composto da terriccio sabbia ed argilla. Ricordarsi che necessitano di un terreno asciutto e di stare all'aria aperta.

36

Letargo

Durante l'inverno la tartaruga andrà in letargo, normalmente si scava un buco nel terreno per svernare. Durante questo periodo la digestione cessa e la sonnolenza aumenta, quindi quando si vede che l'animale mangia di meno e dorme di più vuol dire che sta entrando in letargo. L'importante è che la temperatura non scenda troppo, di media deve stare tra i 2 e gli 11 gradi, per questo motivo cerca rifugio sotto terra.

Continua la lettura
46

Alimentazione

Le tartarughe sono erbivore, quindi mangiano le erbe e le piante che trovano nel loro spazio vitale, per questo più grande è il recinto meglio starà il vostro nuovo amico.
Le loro erbe preferite sono tarassaco, trifoglio, erba medica, piantaggine. In caso di necessità si può nutrirle con cicoria, radicchio o frutta come fragole, ciliege, albicocche...

56

Riproduzione

Tutte le tartarughe depongono le uova, la deposizione avviene in buche scavate nel terreno dalla femmina e poi l'incubazione è affidata al calore solare.
Il corteggiamento avviene dopo il letargo, il maschio insegue e morde la femmina simulando veri e propri combattimenti con sbuffi e grugniti, unico momento in cui si può udire qualche verso da parte del rettile.
Le femmine sono in grado di conservare gli spermatozoi e fecondare le uova fino a 4 anni di distanza dall'accoppiamento, normalmente le uova si schiudono dopo 2 o 3 mesi da quando sono state deposte.

66

Legislazione

Le tartarughe di terra sono inserite nella Red List delle specie in via di estinzione, quindi protetta dalla Convenzione di Berna, per cui è assolutamente vietato il prelievo in natura e l'allevamento e il commercio degli esemplari in cattività sono regolamentati. In Italia chi è preposto a sorvegliare e far rispettare le regole è il Corpo Forestale dello Stato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come Costruire un terrario per le tartarughe di terra

Hai trovato delle tartarughe in giardino e non sai dove metterle? Sono nate delle nuove tartarughe? Se rientri in questi casi e non vuoi lasciarle libere per il giardino sei sul sito giusto! Questa Guida spiega come costruire un ottimo terrario per le...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
Rettili e Anfibi

Tartarughe: classificazione e anatomia

Le tartarughe, questi rettili così diffusi in tutto il nostro pianeta, hanno una storia davvero antica. Si considera che la loro presenza risalga all'incirca a 220 milioni di anni fa, nel periodo del tardo Triassico. Le tartarughe riuscirono a sopravvivere,...
Rettili e Anfibi

Come costruire una casetta per tartarughe

La maggior parte delle persone ama la compagnia degli animali domestici. Tra questi, cani e gatti sono i più diffusi in assoluto. Ma c'è anche chi ama circondarsi di animali un po' più 'esotici'. È il caso quindi delle tartarughe. Quest'ultimo possono...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di tartarughe in miniatura

Avere un animale in casa è il sogno di tutti i bambini, ma spesso non dei genitori. Un animale richiede cure e attenzioni, nonchè dispendio di denaro. Tuttavia spesso ci si dimentica che non solo cani e gatti sono animali domestici. Negli ultimi anni...
Rettili e Anfibi

Il letargo nelle tartarughe mediterranee

Se siete degli appassionati di tartarughe o se possedete delle tartarughe mediterranee e vorreste capire un po' di più dei meccanismi che regolano il loro stile di vita, questa guida fa al caso vostro. Le tartarughe mediterranee sono tra le specie di...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare tartarughe

Le tartarughe sono animali molto affascinanti e dall'aspetto preistorico. In effetti le tartarughe sono un po' preistoriche, ed hanno la straordinaria capacità di vivere per molti e molti anni, diventando centenarie. Si tratta dunque di un animale longevo,...
Rettili e Anfibi

Come assistere le tartarughe durante e dopo la nascita

Quando un animale viene alla luce esiste sempre un pericolo non soltanto per il cucciolo, ma anche per la madre che lo da al mondo. Nel seguente breve articolo vediamo insieme come bisogna assistere le tartarughe durante e dopo la nascita. Scopriremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.