Tutto sui serpenti

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Negli ultimi anni, sempre più curiosi e appassionati di animali hanno scelto di accogliere alcuni rettili come animali domestici da coccolare e crescere con diligenza. Questo per avere il piacere di addomesticare un animale più unico che raro.
Attualmente, risultano moltiplicate le persone che adorano i serpenti (anche in Italia). Emulando una moda diffusasi già da tempo negli USA, essi acquistano e accudiscono varie razze di questi splendidi rettili.
Trattandosi di animali esotici non abituati a vivere in un ambiente domestico, cosa bisogna fare? Occorre identificare le migliori premure in grado di assicurargli una crescita totalmente serena. Leggendo i passaggi successivi di questo articolo, imparare tutto sui meravigliosi serpenti.

28

Occorrente

  • Terrario
  • Passione per gli animali
38

Innanzitutto, è necessario sapere che ciascun serpente ha tre strati di pelle e ognuno di essi possiede una sua funzione.
Il primo strato è l’epidermide. Esso serve per consentire al rettile di muoversi e difenderlo dal calore e degli insetti.
Il secondo strato risulta composto dal derma. In esso, si trovano le terminazioni nervose, i vasi sanguigni e i cromatofori (cellule responsabili della colorazione dei serpenti);
Il terzo strato è il subderma. Quest'ultimo risulta costituito dal tessuto adiposo, utile per le stagioni fredde o durante la gestazione.

48

Con la crescita dei serpenti, si presenta il fenomeno della muta. Questo è il momento in cui il loro strato di pelle esterno ormai diventato piccolo viene abbandonato e cambiato con una nuova pelle. Essa risulterà maggiormente morbida e adeguata al corpo di questi meravigliosi rettili.
Si tratta di un momento piuttosto stressante per l'animale. Di conseguenza, potreste osservare che il serpente resta in stato di dormiveglia per qualche giorno. Talvolta questo rettile si addormenta nella propria bacinella piena d'acqua, in modo da consentire alla pelle secca di staccarsi più facilmente.

Continua la lettura
58

Probabilmente, non tutti sanno che i serpenti sono dei rettili a sangue freddo. Per questa ragione, essi hanno bisogno di esporsi quotidianamente al Sole per tante ore. Questo allo scopo di consentire l'esatto funzionamento dei loro organi vitali.
Qualora vogliate allevare dei serpenti in casa, è importante metterli all'interno di un apposito terrario. La temperatura andrà mantenuta costante e il luogo dovrà risultare ben illuminato. In questo modo, potrete evitare che l'animale muoia per ipotermia.

68

Per nutrire il vostro amato serpente, bisogna dargli da mangiare dei piccoli roditori ancora vivi (come i topi o i ratti). Risultando dei roditori, i serpenti non accettano prede già morte. Difatti, preferiscono inseguirle e torturarle, prima di divorarle intere.
Non è necessario nutrire troppo spesso questo vostro rettile domestico e il cibo dovrà risultare proporzionato alla grandezza dell'animale stesso.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di acquistare un serpente, accertatevi di avere un terrario a disposizione.
  • Ricordatevi che si tratta di animali delicati e abituati a vivere in natura: impegnatevi a crescerli con molta cura e attenzione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come riscaldare un terrario per serpenti

Avere degli animali domestici è quasi una necessità per milioni di persone. La compagnia di queste creature diventa essenziale per il nostro benessere. Chi possiede un cane o un gatto sa bene quanto le giornate sarebbero vuote senza di loro. Ma c'è...
Rettili e Anfibi

Serpenti da appartamento: quali scegliere

Cani e gatti sono senza dubbio tra gli amici più apprezzati. Esistono anche molti amanti dei piccoli roditori, di criceti e conigli. E poi tanti adoratori dei pesci, che trovano rilassante e stimolante curare i piccoli ospiti e il loro habitat artificiale....
Rettili e Anfibi

Come difendersi dai serpenti

Con l'arrivo della bella stagione purtroppo aumentano anche i cosiddetti incidenti estivi, fra cui quelli che maggiormente ci spaventano sono le punture di insetti e i morsi di rettili. Tra passeggiate in montagna e giochi all'aria aperta, la possibilità...
Rettili e Anfibi

Come creare un terrario per i serpenti

Se siete appassionati di serpenti e desiderate tenerne in casa qualcuno, sappiate che è necessario disporre un terrario abbastanza grande e comodo per poterlo ospitare. In commercio potete trovarne tanti, generalmente dai fioristi, ma le cifre proposte...
Rettili e Anfibi

Come liberarsi dei serpenti

I serpenti sono dei rettili notoriamente molto pericolosi. Anche se alcuni hanno la possibilità di produrre ed inoculare il proprio veleno ed altri no, bisogna sempre prendere le necessarie precauzioni quando ce ne troviamo uno davanti. Infatti non sono...
Rettili e Anfibi

Come distinguere un orbettino da un serpente

L'orbettino è un piccolo rettile che ti sarà sicuramente capitato di incontrare durante una passeggiata in campagna e forse anche nel giardino di casa tua! Purtroppo, pur essendo un animale completamente innocuo per l'uomo, viene spesso confuso con...
Rettili e Anfibi

Come allontanare serpi e vipere dal giardino

Nelle case di campagna a stretto contatto con la natura non è raro avere a che fare con gli animali che abitano i dintorni, i quali talvolta possono venire a fare visita anche alla vostra area privata. Nella maggior parte dei casi questo non costituisce...
Rettili e Anfibi

Come comportarsi se si incontra un serpente

Sin da piccoli ci si è abituati ad avere timore dei serpenti: diciamo che il loro danno è il fatto che possono essere velonisi e di conseguenza letali. Ma vi sono anche quelli non velenosi che sono quelli più comuni in Italia. Ma si temono e, a volte,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.