Tutto sul boa costrictor

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il boa constrictor o più precisamente constrictor è un serpente che appartiene alla famiglia dei boidi, come il pitone e l’anaconda. Il nome deriva dal modo con il quale uccide le prede; le avvolge col suo lungo corpo e inizia a stringere aumentando progressivamente la forza e la stretta fino al loro completo soffocamento. Infatti, pur non essendo velenosi, i boa sono comunque serpenti pericolosi, anche per l’uomo, data la grande abilità nella cattura, la forza di cui dispongono e le dimensioni. Un boa maschio medio pesa circa 30 kg e può raggiungere i 4 metri. Nella seguente guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò tutto ciò che c'è da sapere sul boa costrictor, fornendovi inoltre, tutte le informazioni necessarie e qualche utile suggerimento su questo famelico predatore. Vediamo quindi come procedere.

26

Caratteristiche del boa

La livrea caratteristica è marrone chiaro con decorazioni scure sui lati, mentre nella parte inferiore, all'altezza del ventre è gialla a macchie scure. Il boa si muove con eleganza, lentamente, un vero e proprio signore del suo habitat che controlla agevolmente, dato che gran parte del suo tempo lo trascorre sugli alberi in cerca di scoiattoli, piccoli e medi roditori, uccelli, pipistrelli, lucertole. I boa si spostano da un ramo all'altro con facilità dato che dispongono di coda prensile e posseggono sensori molto sviluppati sul labbro capaci di individuare una preda solo dal calore che emana.

36

Habitat del boa

Ama stare dove la vegetazione è folta e vicino a una sorgente o un corso d’acqua, dove il clima è di tipo tropicale, come nelle foreste dell'America del Sud, dove abbiamo elevate percentuali di umidità e forti escursioni termiche tra il giorno e la notte. Infatti è originario dell’America Meridionale e delle Piccole Antille; oggi troviamo esemplari in Brasile, Venezuela, Perù, Colombia, Ecuador, Nicaragua, Costa Rica e Honduras.

Continua la lettura
46

Stagione dedicata alla riproduzione

La stagione dedicata alla riproduzione cade d’inverno, solitamente da ottobre ad aprile, i maschi vengono attratti dall'odore delle femmine e l’accoppiamento avviene attorcigliandosi uno sull'altro. La femmina cova le uova fino alla schiusa nel suo ventre, poi partorisce i piccoli già vivi; la gestazione dura circa 4 mesi trascorsi i quali verranno alla luce dai 15 ai 20 cuccioli già conformati perfettamente e indipendenti. Dopo una sola settimana di vita i piccoli possono cacciare da soli e affrontano la loro prima muta. Alla nascita i boa misurano circa 50 cm e crescono in gran fretta, circa 40 cm all'anno.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come allevare i delfini

I delfini sono mammiferi marini che vivono nei mari e negli oceani, nei quali percorrono più di 100 km al giorno. Estremamente intelligenti e con una loro coscienza e sensibilità, sono in grado di riconoscersi allo specchio: una capacità provata solo...
Volatili

Come riconoscere un albatros

La classificazione degli albatros viene considerata, da sempre, come una sorta di rompicapo anche per gli ornitologi più affermati. Questi splendidi uccelli pelagici, infatti, trascorrono gran parte della propria vita in mare, mentre fanno ritorno sulla...
Gatti

Tutto sul gatto Chinchilla

Il gatto Chinchillà appartiene alla specie dei gatti persiani. Il suo nome è ripreso dal coniglio "chinchillà" con cui ha in comune il colore del pelo, ossia un bianco dominante, tendente a tonalità più scure. È una razza rara e naturale. Il gatto...
Rettili e Anfibi

Tutto sul serpente del grano

Il Serpente del grano, conosciuto anche come serpente rosso, è un serpente di dimensioni modeste il cui manto è a scacchi e da l'impressione del granturco. È tra quelli più facili da mantenere in cattività, che è probabilmente il motivo per cui...
Pesci

Come riconoscere il marlin

Il pesce marlin appartiene alla famiglia ittica degli "Istiophoridae". Ve ne fanno parte undici specie, di dominio pelagico. Ovvero quell'ambiente marino o oceanico, profondo fino a 200 metri, che arriva fino alle coste (provincia neritica). Oppure quelle...
Animali da Compagnia

Guida sulle razze di coniglio

Il coniglio è un amabile e tranquillo compagno per la vita domestica. Se desiderate possedere un coniglio, vi consiglio di attrezzare un piccolo spazio verde. Così il vostro amico starà a suo agio. Prima di scegliere come compagno di vita questo animaletto,...
Rettili e Anfibi

I principali rettili delle paludi Italiane

Quando pensiamo ai rettili delle paludi in genere immaginiamo i grandi coccodrilli che infestano gli specchi d'acqua degli Stati Uniti o dell'Australia, oppure gli enormi serpenti della jungla. A questi animali particolari e misteriosi il cinema mondiale...
Pesci

Le caratteristiche della manta

Nel mondo, esistono moltissime tipologie di animali differenti, che variano a secondo di quale paese o habitat si prende in considerazione. Viaggiando intorno al globo, infatti, è possibile incontrarne di bellissime e coloratissime, soprattutto se ci...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.