Tutto sul condor

Tramite: O2O 22/05/2017
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Il condor è un grande rapace diurno appartenente alla famiglia Catartidi dell'ordine Falconiformi. Affine agli avvoltoi dell'Eurasia e dell'Africa è lungo oltre un metro e la sua apertura alare può superare i 3 metri. Il condor è diffuso sulla Cordigliera delle Ande, ma si trova anche lungo la costa occidentale dell'America meridionale, dallo Stretto di Magellano all'Ecuador. Oggi, tramite l'ausilio di questa guida, andremmo a scoprire tutto ciò che c'è da sapere sul condor, questo straordinario volatile dalle mille caratteristiche originali.

25

Le caratteristiche del condor

La forma del condor è abbastanza robusta che lo distingue con un rivestimento di piumaggio color nero di riflesso metallico, con cui fanno contrasto una larga striscia biancastra sulle ali e un candido collare di piume alla base del collo. I condor maschili, da quelli femminili, sono leggermente diversi per quanto riguarda il loro rivestimento (soprattutto se parliamo della testa). Infatti, nei maschi, la parte anteriore del capo è sormontata da una tozza cresta carnosa di colore rosso, come le caruncole del collo, la testa nuda si presenta in colorazioni rossicce e opache, con cresta sulla fronte del maschio. Per quanto riguarda la femmina, il collare viene presentato sottoforma di colore bianco. Il becco, forte, adunco e tagliente, serve per dilaniare gli animali morti di cui il condor si ciba preferibilmente e che, grazie alla vista acutissima, scorge anche da grandi altezze. La specie andina ha un peso di circa 10 kg (per quanto riguarda l'adulto) con un'apertura alare di oltre 3 metri e mezzo. Per il volo, il condor sfrutta spesso le correnti aeree ascensionali portandosi talora fino a 5-6000 m di altitudine.

35

Le specie principali di condor

Sono molte le specie di condor ma quelle principali sono rappresentate dal condor della California e da quello delle Ande. Ovviamente questi volatili prendono il nome dai luoghi di riferimento prediletti. Descrivendo il primo, (leggermente più piccolo di quello delle Ande), differisce dal condor tipico già descritto per il piumaggio, dove si distingue per il suo rivestimento quasi nero e per l'assenza della grossa cresta sul capo dei maschi. Inoltre, la sua area di diffusione è limitata sulle zone costiere della California centrale e meridionale, dove ormai è piuttosto raro.

Continua la lettura
45

L'habitat del condor

Trovare questo volatile nelle zone Italiane è molto difficile visto che si trova prevalentemente in territori del Continente Americano. Vive generalmente in gruppi di alcune decine di individui; scelta una piattaforma rocciosa, la femmina vi costruisce un nido rudimentale in cui depone due uova di colore bianco-giallastro a macchie brune. I cuccioli sono caratterizzati da uno sviluppo notevolmente lento: basta pensare che compiono il primo volo oltre i 6 mesi di età. Detto questo abbiamo capito quali sono le tante verità che riguardano questo straordinario volatile. Inoltre, studiare le sue caratteristiche ci ha catapultato nel suo mondo pieno di scoperte! Non finiremo mai d'imparare oltre ciò che la natura è in grado di farci scoprire attraverso questi straordinari e unici animali! Possa quindi questa guida, esaudire tutto ciò che c'è da sapere su questo meraviglioso volatile, il condor!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

I 10 uccelli più grandi del mondo

Il mondo dei volatili si compone di moltissime specie. È un mondo, il loro, articolato e affascinante. Il volo degli uccelli si può osservare anche nelle metropoli. Infatti alcune di queste razze hanno trovato il loro habitat pure nelle città. Si tratta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.