Tutto sul cormorano di Pallas

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il cormorano di Pallas è stato un grande uccello marino, che ha vissuto su alcune isole all'estremità occidentale della catena delle Aleutine. La specie fu identificata nel 1741 dal naturalista George Steller in occasione di un viaggio per l’esplorazione dell’Alaska, e la sua scoperta suscitò molto stupore ed ammirazione per alcune caratteristiche fisiche ed abitudini di questo esemplare. In riferimento a ciò, vediamo nel dettaglio tutto ciò che c’è da sapere sul cormorano di Pallas.

24

Il peso era di sette chilogrammi

Il cormorano di Pallas somigliava moltissimo ad altre specie oggi ancora viventi, tranne che in grandezza; infatti, la sua stazza era molto più evidente, ed anche il peso risultava particolarmente elevato. L’esploratore Steller riuscì a pesarlo più volte, e constatare di persona che i chilogrammi erano più di sette e la forma simile all’oca. Tuttavia c'è da aggiungere che come riferito dallo stesso Steller, il primo cormorano pesato era risultato addirittura di ben 14 kg.

34

Gli occhi erano cerchiati

Per quanto riguarda le piume erano completamente nerastre, con degli evidenti riflessi di un verde metallico, ad eccezione dei fianchi dove si potevano notare due macchie bianche che si estendevano fin sotto le ascelle. La testa del cormorano di Pallas così come la nuca, erano adornate di lunghissime quanto soffici piume, e tendevano a formare una sorta di ciuffetto. Il becco invece si presentava di una tonalità rossastra nel maschio, mentre nella femmina era decisamente più ridotto di dimensioni oltre che sprovvista del ciuffo, ma anche dei classici cerchi biancastri che contornavano invece gli occhi del maschio. Questa particolarità tra l’altro, indusse gli scienziati a chiamarlo proprio l’uccello con gli occhiali.

Continua la lettura
44

La vista era molto aguzza

Come gli altri cormorani viventi tutt'oggi, anche questo esemplare si alimentava esclusivamente con il pesce, grazie soprattutto alla grande abilità a tuffarsi nell'acqua dall'alto, dopo aver incredibilmente individuato la preda con la sua vista molto aguzza. Oggi purtroppo non si sa quasi più nulla su questo uccello, e tenendo conto che si tratta di un esemplare vissuto in tempi tutto sommato recenti, forse c'è lo zampino dell'uomo e non poco con la sua estinzione. In riferimento a ciò, basti aggiungere che i pescatori del mare dove questi esemplari di cormorani vivevano e formavano le loro colonie, gli davano continuamente la caccia poiché erano ritenuti i maggiori responsabili della scarsa pescosità del luogo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.