Tutto sul fenicottero rosa

Tramite: O2O 27/06/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il fenicottero rosa, è un grande uccello che tende a stare spesso su una gamba, nascondendo l'altra sotto il corpo; recenti ricerche indicano che questo suo comportamento, gli consente di conservare il calore del corpo, visto che spendono una quantità significativa di tempo in acqua fredda. Un'ampia varietà di uccelli sono stati proposti come parenti stretti dei fenicotteri, in base ad una grande varietà di prove, tra cui le le Ciconiiformes dalle gambe lunghe.

25

I fenicotteri rosa vivono in grandi colonie per tre scopi

I fenicotteri rosa, sono uccelli molto sociali, vivono in colonie di migliaia di esemplari; queste grandi colonie servono ai fenicotteri per tre scopi: evitare i predatori, massimizzare l'assunzione di cibo e utilizzare i siti di nidificazione in modo efficiente. I gruppi di riproduzione, sono composti dai 15 ai 50 uccelli. I fenicotteri formano forti legami di coppia, anche se in colonie più grandi a volte tendono a cambiare compagni, presumibilmente perché hanno una scelta più ampia. Le coppie formate, stabiliscono e difendono i territori di nidificazione.

35

L'unico compito dei genitori è l'alimentazione

Dopo la nascita dei piccoli, l'unico compito dei genitori è l'alimentazione. Sia il maschio che la femmina imbeccano i loro pulcini con una specie di latte prodotto da loro stessi attraverso ghiandole che costeggiano tutto il tratto digestivo superiore. La produzione è stimolata da un ormone chiamato prolattina; il latte contiene grassi, proteine, globuli rossi e globuli bianchi. Per i primi sei giorni dopo la nascita dei pulcini, gli adulti restano nei siti di nidificazione. A circa dodici giorni di età, i pulcini cominciano ad esplorare l'ambiente circostante. Al compimento delle due settimane, si riuniscono in gruppi chiamati "microcrèches". Dopo un po', i microcrèches si fondono in "asili nido" contenenti migliaia di pulcini.

Continua la lettura
45

I fenicotteri rosa si nutrono di gamberetti di acqua salata

Infine i fenicotteri rosa, si nutrono di gamberetti di acqua salata e di alghe blu-verdi. I loro becchi sono adattati in modo da poter separare il fango e limo dal cibo. Il filtraggio dei prodotti alimentari è assistito da strutture pelose chiamate lamelle, che allineano le mandibole e la grande lingua dalla superficie scabra. Il colore rosa dei fenicotteri, deriva da proteine ??carotenoidi, che sono incluse nella nell'alimentazione del plancton. Queste proteine ??sono suddivise in pigmenti di enzimi epatici e la fonte varia a seconda delle specie, colpendo la saturazione del colore. I fenicotteri rosa la cui unica dieta sono le alghe blu-verdi sono di colore più scuro.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Curiosità sui fenicotteri

Parliamo, in questa lista, di un animale, precisamente un uccello, che da sempre ci ha impressionato principalmente per il suo colore rosa e per la sua "stramba" postura. Se non l'avete capito, vi dico subito di chi andrò a descrivere: il fenicottero....
Volatili

I principali uccelli da stagno

Tra gli animali presenti nel nostro pianeta troviamo gli uccelli da stagno. Lo stagno è uno specchio d'acqua immobile, non molto profondo e abbastanza piccolo. Esso è posto in luoghi dove vi è la giusta alimentazione per la fauna e un fondale resistente....
Volatili

I volatili più longevi al mondo

Tra i primati che si possono rilevare in natura uno dei più interessanti riguarda la longevità, argomento che affascina da sempre scienziati e filosofi. Questa volta ci soffermiamo sui volatili più longevi al mondo, tenendo conto che la media per queste...
Volatili

Come distinguere le cocorite

Il parrocchetto ondulato (Melopsittacus undulatus) è un piccolo pappagallo conosciuto anche con il nome di parrocchetto australiano, in Italia volgarmente definito cocorita, cocorito o semplicemente pappagallino. Il nome Melopsittacus deriva dal greco,...
Volatili

Come Creare Un Piccolo Allevamento Di Quaglie

Moltissime famiglie in Italia ormai possiedono uno o più animali domestici. Infatti trovare a casa un amico a quattro zampe che ti aspetta è gratificane per chiunque. Gli animali più comuni tenuti in casa sono sicuramente: il cane, il gatto, i pesci,...
Volatili

Come riconoscere il sesso del pappagallino cocorita

Questi simpatici e tenerissimi animali domestici, noti a tutti anche con il nome di cocorita o di parrocchetti ondulati, sono molto socievoli nonché i volatili più allevati al mondo, proprio grazie alle loro straordinarie capacità di adattarsi ai climi...
Volatili

Pappagallo Inseparabile: caratteristiche e cura

Quando si decide di prendere un animale domestico, occorre conoscere anche le sue caratteristiche per accogliere al meglio il nuovo ospite. Sempre più famiglie trovano nella figura del Pappagallo Inseparabile, un animale socievole pronto a donare amore...
Volatili

Come far riprodurre in cattività una coppia di cocorite

La cocorita o pappagallino ondulato (Mellopsittacus undulatus), è il pappagallo più comunemente venduto in tutto il mondo come uccello domestico. Si tratta di un pappagallo di piccole dimensioni, originario dell'Australia: gli esemplari selvatici presentano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.