Tutto sul passero del Giappone

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il Passero del Giappone rappresenta, sicuramente, una delle specie di uccelli maggiormente note nel Mondo. Si tratta di animali abbastanza semplici da allevare, e pertanto alla portata di tutti quanti i neofiti. Il loro prezzo, tra l'altro, è molto accessibile. Questa specie si trova allo stato brado, anche se è stata creata dall'uomo, incrociando differenti varietà della famiglia lonchura. Questa splendida razza raggiunge delle modeste dimensioni, le quali variano dagli 11 ai 12 cm. Questi uccelli presentano un'indole amichevole, e vanno d'accordo con tutte le altre specie ad eccezione di quelle maggiormente aggressive, di cui è facile diventino vittima. Il passero del Giappone si tratta, in definitiva, un uccello molto forte che predilige stare in piccoli gruppi. Presenta un dimorfismo sessuale ben marcato, evidenziato su vari aspetti tra cui l'elegante canto che caratterizza i maschi. Questo è, a grandi linee, tutto quello che c'è da sapere sul passero del Giappone. Nei passi seguenti di questa guida andremo a vedere altre caratteristiche di questo volatile.

26

Il passero del Giappone si adatta ai nidi di altre specie, e non è molto esigente e delicato

Il passero del Giappone si riproduce sia in gabbia che in voliere, e probabilmente è l'uccello domestico preferito dall'uomo, dal momento che non è molto esigente né particolarmente delicato. Con la loro grande abilità di raccolta e di adattamento, questi uccelli sono spesso utilizzati come "amanti dell'allevamento", dal momento che sono in grado di adattarsi ai nidi di altre specie, oltre a proteggerli. La tipologia di nido maggiormente utilizzata è una cassetta semi-chiusa, allestita con una fibra di cocco e con dei materiali affini.

36

Entrambi i genitori del passero del Giappone sorvegliato i pulcini per un tempo ben definito

Una volta che ha nidificato e deposto dalle 5 alle 7 uova, queste vengono covate e sorvegliate da entrambi i genitori per 15 giorni ma anche per un tempo maggiore. Entrambi i genitori del passero del Giappone sono responsabili dei pulcini nel procurare loro gli alimenti, fino alla quarta settimana di vita. Tra le 4 e le 6 settimane di vita, in pratica, i piccoli sono ancora parzialmente a carico dei genitori. Dopo le sei settimane, invece, i pulcini si separano definitivamente dal nido natale. I loro genitori, tuttavia, continueranno a visitare il nido dei piccoli, in modo tale da controllarli e da difenderli dai soprusi di specie più prepotenti che cercheranno di rubare loro il giaciglio.

Continua la lettura
46

I passeri del Giappone si trovano nelle aree agricole o in città, e sono utili contro gli insetti

I passeri del Giappone sono abbastanza più socievoli rispetto a tutti gli altri volatili selvatici. La gran parte degli esemplari si trova comunemente intorno alle aree agricole, che rappresentano il loro habitat primario. Si sono adattati a vivere attorno alle zone antropizzate, ed un gran numero di essi vive nelle città. Possono anche risultare particolarmente utili agli esseri umani, contro gli insetti parassiti che infestano i campi. I tentativi di controllo su larga scala dei passeri del Giappone sono riusciti ad influenzare il loro sviluppo in maniera abbastanza significativa, anche grazie all'aumento della frequenza degli sciami di insetti.

56

I passeri del Giappone hanno una colorazione variabile del piumaggio

Concludiamo questa breve guida parlando del piumaggio di questi volatili. I passeri del Giappone presentano una colorazione del piumaggio abbastanza variabile, che va dal colore bianco al marrone scuro. Tra queste tonalità, possiamo affermare che i più comuni sono il passero con piumaggio sul marrone scuro e con zone grigie nella parte superiore della testa, della schiena e della pancia.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come sfamare un uccellino

Con l'arrivo delle stagioni calde, primavera e soprattutto estate, è possibile trovarsi di fronte a piccoli esemplari di volatili, probabilmente caduti dal loro nido, che necessitano di aiuto. Riuscendo a mettere da parte l'indifferenza, possiamo imparare...
Volatili

Come riconoscere un'aquila

Le aquile sono degli uccelli che nei tempi antichi erano molto venerati, poiché rappresentavano l'emblema del potere, della leggerezza e della trascendenza. Gli antichi Aztechi, furono i primi a conoscerle ed apprezzarne le loro gesta, ed ancora oggi...
Volatili

I rapaci più grandi del mondo

I rapaci sono indubbiamente degli animali che esercitano un enorme fascino tra gli essere umani, grazie al fierezza e alla maestosità che li contraddistinguono. È impossibile rimanere indifferenti di fronte alla forza e alla vitalità che sprigionano,...
Volatili

Come nutrire gli uccelli selvatici

Quando si avvicinano le stagioni fredde, gli uccelli che sono stanziali, e quindi non migrano verso Paesi più caldi, incontrano notevoli difficoltà a reperire cibo per il sostentamento e la sopravvivenza. È facile, in inverno, trovare un uccellino...
Volatili

Come pulire la gabbia del canarino

Il canarino è un uccello canoro e può imparare a ripetere delle brevi melodie che gli si fanno sentire. Come tutti i volatili, i canarini vanno alloggiati in una gabbia che deve essere molto accogliente: infatti le sue dimensioni devono essere di almeno...
Volatili

Come svezzare un pappagallo cenerino

Il pappagallo cenerino è un uccello molto intelligente, nonché un ottimo compagno di vita. Esso generalmente presenta un colore grigio polveroso, una coda di colore rosso vivo e gli occhi arancioni. È conosciuto come l'"Einstein" dei pappagalli per...
Volatili

Come nutrire una cinciallegra

La cinciallegra è un piccolo uccello, lungo all'incirca dai 13,5 ai 15 centimetri. Si classifica nell'ordine dei passeriformi, data la sua forma analoga a quella dei passeri. Il suo piumaggio è allegro e colorato, con tinte giallastre nelle zone inferiori...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.