Tutto sul pesce palla

Tramite: O2O 22/05/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Sebbene non sia un pesce tipico dei nostri mari, tutti conoscono il pesce palla, anche i bambini. Esso deve la sua fama ad una peculiarità: quella, appunto, di gonfiarsi come una palla in caso di pericoli e minacce. Esso, infatti, è il principale pesce gonfiatore conosciuto, e da qui deriva il suo nome. Questa caratteristica può anche risultare simpatica e, al tempo stesso, affascinante per gli amanti degli animali, specialmente dei pesci.
Il pesce palla è un pesce osseo appartenente alla Famiglia Tetrodontidae. Il nome della Famiglia deriva dal fatto che questi pesci possiedono solo quattro denti: essi si presentano larghi, due superiori e due inferiori. Le coppie di denti sono quasi fuse e vanno a formare una sorta di becco, necessario per il loro nutrimento. Ma vediamo nel dettaglio le caratteristiche di questo animale: di seguito, troverete tutto quanto possa interessarvi sul simpatico pesce palla.

27

Generalità

I pesci palla vivono nelle acque tropicali, in particolare nell'Oceano Indiano e nel Pacifico, anche nell'Atlantico. Solo alcune specie vivono soltanto nelle acque dolci. Per via del surriscaldamento globale, tuttavia, alcune specie di pesci palla sono state avvistate anche nel Mediterraneo.
Il pesce palla presenta normalmente un corpo affusolato con una sola pinna dorsale e una sola pinna anale. La coda è arrotondata.
I pesci palla, contrariamente alla maggior parte dei pesci ossei, hanno una pelle priva di squame. Tuttavia, proprio per questo, essa è molto spessa e resistente. Sullo stomaco, essa risulta essere molto elastica invece, per soddisfare la necessità di gonfiarsi.
Spesso, tali pesci presentano una livrea dai colori forti e sgargianti.
I pesci palla si nutrono di piccoli crostacei, molluschi e coralli.
In genere, questi pesci raggiungono la maturità sessuale a circa 5 anni di vita e sono soliti accoppiarsi nelle acque basse. Se vi siete chiesti quanto può vivere un pesce palla, ecco a voi la risposta: essi possono vivere fino a 10 anni.

37

Difesa

I pesci palla presentano un corpo rigido e poco agile; ciononostante, sanno difendersi molto bene da eventuali predatori. Come? È semplice: i pesci palla hanno la capacità di gonfiarsi, ingerendo acqua. In questo modo, aumentano le loro dimensioni fino a 7 volte e spaventano i predatori, che desistono dall'attaccarli. Alcuni pesci palla presentano anche degli aculei sulla pelle, il che li rende ancora più temibili agli occhi dei predatori.
Inoltre, i pesci palla producono una tossina estremamente velenosa, la tetrodotossina: essa è una neurotossina potentissima e letale. Pare che la quantità di tossina prodotta sia correlata al colore della livrea: più la livrea presenta colori vividi, più tossina viene prodotta. Gli unici predatori immuni a questa tossina sono gli squali, dai quali i pesci palla devono quindi guardarsi.

Continua la lettura
47

Cucina

Il pesce palla è uno dei prodotti della pesca più apprezzati in Giappone. Per via del suo potentissimo veleno, tuttavia, è anche molto pericoloso cibarsene: per poterlo cucinare e servire senza causare problemi ai consumatori, gli operatori devono seguire un corso di ben tre anni, durante il quale devono imparare la tecnica corretta per eliminare le parti tossiche dell'animale, ossia il fegato, i visceri in generale, la pelle e gli occhi.
Ingerire anche una piccola quantità di tetrodotossina porta inevitabilmente alla morte. I primi sintomi riguardano la paralisi, associata a crampi, nausea e vomito. La paralisi raggiunge anche i muscoli respiratori e il muscolo cardiaco.
L'unico rimedio per eliminare la tossina dalle carni è quello di rimuovere le parti tossiche: qualsiasi altro trattamento, come la cottura, il congelamento o altro, non sortisce alcun effetto.

57

Frode

Come detto precedentemente, alcuni esemplari di pesce palla sono stati avvistati anche nel Mediterraneo: questo porta il consumatore a essere soggetto a frode. Code di pesce palla, infatti, private della pelle, possono essere spacciate per code di rospo. Questo perché, data la loro tossicità, è vietato in UE introdurre sul mercato i pesci palla. Se il prodotto è venduto decapitato, è possibile discernere di quale specie si tratti. Rispetto al pesce palla, infatti, la coda di rospo (rana pescatrice) presenta una coda con 8 raggi, che risultano invece 11 nel pesce palla; inoltre, la rana pescatrice presenta lateralmente delle appendici carnose, che mancano nel pesce palla.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se intendete cibarvi del pesce palla, assicuratevi che il ristorante che lo serve abbia un operatore competente
  • Osservate attentamente il prodotto prima di acquistarlo
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

7 possibili nomi da dare ad un pesce rosso

il pesce rosso è un pesce comune che vediamo quasi sempre in casa, immerso nell'acqua della vasca. È un tipo di pesce che ha bisogno di stare con i suoi simili se no potrebbe morire di solitudine. Quindi si consiglia sempre di prendere più di un pesce...
Pesci

Come distinguere un pesce rosso maschio da uno femmina

Il Carassius auratus, o semplicemente pesce rosso, è l'animale domestico più comune. Facilmente reperibile nei negozi specializzati, nelle fiere o come premio al luna park, richiede poche ma adeguate cure. Molto longevo, il pesce rosso in acquario raggiunge...
Pesci

Il pesce combattente: curiosità

Il pesce combattente viene definito anche "Betta Splendens" per i suoi colori per l'appunto splendenti e tendenzialmente luminosi. È diffuso soprattutto nella parte orientale che abbraccia Indonesia, Thailandia, Vietnam, Cina. Qui, i corsi d'acqua sono...
Pesci

Come allevare il pesce pulitore

Quando si vuole allestire un acquario tropicale, è fondamentale valutare bene quali pesci inserire prima di acquistarli alla cieca. I pesci, infatti, devono andare d'accordo tra di loro, ma soprattutto devono avere tutti le stesse esigenze: solamente...
Pesci

I principali tipi di pesce azzurro

Chi di noi non ha mai mangiato un delizioso piatto in cui l'elemento predominante era il pesce azzurro? I pesci azzurri sono quei tipi di pesci che sono chiamati così perché hanno una colorazione particolare, tendente al blu e al verde e spesso anche...
Pesci

Come assicurare lunga vita al pesce rosso

Il tradizionale pesce rosso o dorato (nome scientifico Carassius Auratus) è spesso il premio ambito nei tanti parchi giochi sparsi per il mondo. Lo si trova anche a pochi euro nelle fiere paesane e patronali. Di origine orientale, presenta un corpo ben...
Pesci

Come sapere se hai un pesce ammalato

I pesci d'acquario ravvivano gli ambienti di casa (e non solo) con le loro numerose evoluzioni, i salti con guizzo, il rincorrersi e nascondersi dietro punti impensabili, i loro colori sgargianti, le forme più strane. Tuttavia, come ogni specie animale,...
Pesci

Tutto sul pesce pagliaccio

La ragione per cui questo grazioso pesciolino viene chiamato con questo originalissimo nome è il fatto che il suo aspetto è talmente colorato da somigliare ad un clown circense, ma il suo vero nome latino è "Amphiprioninae". È diventato celeberrimo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.