Tutto sul pitone

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il pitone può raggiungere i 10 metri di lunghezza, pesare più di 150 kg e avere una stretta in grado di soffocare animali grandi quanto un cervo. Il suo nome scientifico è Python, o anche Rettile Squamato, vive sugli alberi ed è un assassino formidabile. Nella guida che segue, con pochi e semplici passaggi, attingerete utili informazioni, scoprirete tutto quello che c'è da sapere sul pitone e, qualche utile suggerimento su questo feroce predatore. Vediamo quindi come procedere.

26

Habitat del pitone

Il pitone vive in libertà in quasi tutti i continenti, eccetto l'Europa: è infatti diffuso in Africa (soprattutto nei Paesi equatoriali e meridionali), in America centrale, Asia e Oceania (perlopiù in Australia e Nuova Guinea). Il suo habitat naturale è rappresentato da zone calde, umide e ricche di vegetazione. Questo serpente, infatti, vive generalmente sugli alberi, dove si mimetizza, si acquatta in attesa di una preda da divorare. Si nutre soprattutto di mammiferi e uccelli.

36

Longevità del pitone

Pur essendo tra i rettili più lunghi del pianeta (il "reticolato" raggiunge i 10 metri di lunghezza), il pitone, a seconda della specie, ha una lunghezza assai variabile. Il pitone di Children, infatti, non raggiunge il metro. Tra le sue caratteristiche principali ci sono la testa a forma triangolare, le pupille verticali, le narici all'insù e la coda prensile. Una femmina di pitone può deporre fino a 100 uova, covandole per tutto il periodo di gestazione senza toccare cibo. È molto longevo: si stima che alcuni pitoni reali siano in grado di sopravvivere per quarant'anni. Le specie di pitone conosciute in tutto il mondo sono circa sette, ma le più rinomate sono senza dubbio il pitone reticolato, il pitone delle rocce africano e il pitone reale.

Continua la lettura
46

Pelle del pitone

La sua pelle squamata, oltre a presentare disegni e forme particolari, è ritenuta molto pregiata per diversi capi di abbigliamento e accessori (prevalentemente scarpe e borse). Per questa ragione, e per la degradazione del loro habitat naturale, alcune specie di pitoni sono considerate specie protette. Così come i boa e le anaconda, il pitone non è velenoso, poiché non è dotato di ghiandole velenifere, ma questo non lo rende meno pericolo. È assai noto, infatti, per la tecnica mortale con la quale cattura le proprie prede: dopo aver azzannato la preda, con i propri lunghissimi denti mandibolari e mascellari, la avvolge tra le sue spire, in una morsa stretta, fino a soffocarla. Una volta uccisa, il pitone ingoia per intero la preda, digerendola per diversi giorni.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come tenere un pitone in casa

Come si sa: "de gustibus...". E in virtù di questo principio, ciascuno rivolge le proprie attenzioni verso tutto ciò che gli piace di più. Accade la stessa cosa nell'ambito della scelta di un animale da tenere in casa. Ultimamente si assiste ad un...
Rettili e Anfibi

Come allevare un pitone

Il pitone è un grosso serpente che vive in Asia, Africa e Australia: spesso di lunghezza notevole (raggiunge anche i 10 metri), presenta denti molto sviluppati a forma di uncino con i quali assale mammiferi di media taglia. Nonostante la pericolosità,...
Rettili e Anfibi

Le razze più grandi di lucertole

Animali a sangue freddo le lucertole sono una razza molto antica di animali, presenti sin dai dinosauri, per questo molto variegata, infatti se ne contano migliaia di specie di rettili tutte diverse, e non mancano gli esemplari strani, oppure gli esemplari...
Rettili e Anfibi

Serpenti da appartamento: quali scegliere

Cani e gatti sono senza dubbio tra gli amici più apprezzati. Esistono anche molti amanti dei piccoli roditori, di criceti e conigli. E poi tanti adoratori dei pesci, che trovano rilassante e stimolante curare i piccoli ospiti e il loro habitat artificiale....
Rettili e Anfibi

Come allestire una teca per camaleonti

I camaleonti sono degli animali che tendono quasi sempre ad essere sedentari ed inoperosi. La loro principale caratteristica è quella di riuscirsi a mimetizzarsi, cioè tendono a colore in base all'ambiente in cui si trovano. Noi, infatti, li conosciamo...
Rettili e Anfibi

Serpenti: guida alla muta

Prima di adottare un animale si dovrebbero cercare più informazioni possibili sulle cure di cui ha bisogno. Per farlo potremo rivolgerci al nostro veterinario di fiducia, oppure, potremo ricercare su internet una delle moltissime guide che ci spiegherà...
Rettili e Anfibi

Tutto sul serpente a sonagli

Tra i rettili che popolano la Terra troviamo i serpenti. Questi ultimi sono dei rettili affascinanti ma soprattutto letali. Esistono varie razze di serpenti, come ad esempio il pitone reale, il boa, il corallo e infine il serpente a sonagli. Il serpente...
Rettili e Anfibi

Tutto sull'anaconda verde

L'anaconda verde è una specie di serpente boa originaria del Sud America. È la specie più pesante di serpenti conosciuta. Il termine anaconda si riferisce spesso a questa specie, anche se il termine potrebbe valere anche per altri membri della specie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.