Tutto sul setter inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Le origini del setter inglese risalgono al 1500, ma è intorno al 1800 che questa razza, con accoppiamenti selezionati, si è perfezionata. Questi stupendi quadrupedi divennero famosi nel mondo intorno alla fine del 1800; il primo allevamento in Italia è stato aperto negli anni Venti del Novecento. Se siete appassionati di cani, e magari siete interessati all'acquisto di un esemplare di questa razza, proseguite con la lettura e scoprirete tutto quello che c'è da sapere sul setter inglese!

26

Occorrente

  • affetto e pazienza
36

Carattere

Il setter inglese ha un carattere molto affettuoso e vivace che lo porta a legarsi fortemente con gli amici umani. Si tratta di un cane molto curioso e necessità di tante attenzioni, soprattutto quando è cucciolo. Un punto a favore di questa razza, è senza dubbio lo sguardo, dolce e vivace, al quale non si può resistere. L'english setter è particolarmente adatto alle famiglie con bimbi: è un cane che socializza e gioca con qualsiasi persona, non creando mai alcun tipo di problema. Inoltre ama le coccole e le attenzioni del suo padrone. È un cane che ama correre e saltare in ampi spazi verdi, quindi è consigliabile lasciarlo spesso all'aria aperta.

46

Caratteristiche fisiche

È un cane potente ma elegante, dal fisico asciutto e dalla notevole agilità. La bellezza di questa razza è data anche dal particolare manto, lungo e frangiato, ricco di sfumature. Gli accostamenti cromatrici più comuni sono il bianco e il nero, oppure il bianco e il marrone; ma sono tante le tonalità che il pelo di questi cani può presentare. Esso è generalmente di taglia media, anche se non mancano alcuni individui di taglia medio-grande o piccola-media; la forma della testa è proporzionale al corpo (a differenza dei chiwawa), mentre le orecchie sono un po' più lunghe rispetto ad altre razze. Gli occhi, o meglio gli occhioni, sono solitamente di color nocciola. Grazie al suo fisico robusto ed agile può essere utilizzato con ottimi risultati come cane da caccia.

Continua la lettura
56

Cura e attenzioni

Per i primi sei mesi è bene non forzare l'attività motoria negli esemplari di questa razza, perché potrebbero sviluppare patologie articolari. Dai sei mesi in poi, potrete fare col vostro amico a quattro zampe tutte le corse e i giochi che vorrete! Il setter inglese, purtroppo, manifesta una predisposizione alla sordità e alle patologie della tiroide, per questo è opportuno fare delle visite periodiche. Da adulto, assicuratevi di avere tempo a sufficienza per portarlo fuori a fare tante passeggiate: lo renderete davvero felice e vi ricambierà con tutto l'affetto di cui è capace! Se avete intenzione di portarlo a caccia, dovrete necessariamente pulire accuratamente al rientro; operazione che dovrete eseguire in maniera molto approfondita dal momento che i peli trattengono solitamente sporcizia. Se allevato come merita, diventerà un inseparabile compagno di vita tanto per i piccoli quanto per i più grandi. È impossibile non innamorarsi di questo meraviglioso segugio!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Su SoloCane potrete trovare una scheda completa su questo cane, per scoprire tutte le sue caratteristiche e peculiarità che l'hanno reso uno dei cani più amati in Italia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come addestrare un setter inglese

Il cane è sicuramente uno dei migliori amici dell'uomo, ma se decidiamo di adottarne uno per farlo vivere con noi, dovremo sempre ricordarci che è un animale e che ha bisogno di un adeguato addestramento per poter vivere senza alcun problema a contatto...
Cani

Tutto sull'English Setter

Se anche voi siete amanti degli animali saprete sicuramente che questi vanno sempre trattati bene e che hanno bisogno di cure e coccole. Adottare un cane significa prendersene cura 365 giorni all'anno e quindi prima di fare un passo del genere bisogna...
Cani

Come addestrare un setter da caccia

Il setter è un cane caratteristico da ferma, originario dei paesi anglosassoni. Il suo pelo particolarmente folto e la sua profonda intelligenza, ne fanno uno dei cani più amati e apprezzati. Anche negli ambienti della caccia, sport nel quale questo...
Cani

Come allevare un setter irlandese

In questo ultimo periodo le persone cercano spesso un animale da compagnia che, oltre ad essere bello, deve essere anche molto affettuoso. Tra i tanti, sicuramente, quello preferito dalla stragrande maggioranza è il cane. Tuttavia risulta difficile anche...
Cani

Tutto sul bulldog inglese

Uno dei cani sicuramente più diffusi in Europa è proprio il bulldog inglese, facilmente riconoscibile per le sue caratteristiche più importanti che in questa guida cercheremo di spiegarvi in modo esaustivo. Innanzitutto c'è da dire che è un cane...
Cani

Come, dove e perché acquistare un Bulldog Inglese

Certamente è fondamentale avere una buona cognizione quando si sta per prendere con se un cucciolo di cane. Altrettanto importante sarà non farci dettare una scelta dalla fascinazione estetica del momento, ma decidere con convinzione, dopo aver riflettuto...
Cani

Tutto sul mastino inglese

Gli animali si sa, sono i migliori amici dell'uomo e come tali vanno trattati nel migliore dei modi, bisogna prendersene cura e fare di tutto affinché abbiano una vita lunga. Ma ogni animale, ogni specie, ha bisogno di essere conosciuta al meglio per...
Cani

Come Prendersi Cura Di Un Cocker Inglese

Il cocker inglese è un cane da caccia appartenente al gruppo degli spaniels adatti per la cerca e il riporto. La piccola taglia (tra gli 11 e i 13 chili di peso) gli consentono di addentrarsi con facilità nelle forre e tra i rovi. È un cane attivo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.