Tutto sull'alce

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'alce è un mammifero delle zone polari che appartiene alla famiglia dei cervidi. È un ruminante di grandi dimensioni, secondo solo al bisonte e all'orso. È diffuso soprattutto in Alaska, Nord America, Norvegia, Russia e Siberia, ma si trova anche più a Est, in Mongolia e Manciuria. L'alce è stato salvato da un'estinzione quasi certa grazie alla creazione di aree protette dove può liberamente pascolare. Questo animale spesso viene confuso con la renna; in realtà ha caratteristiche ed abitudini differenti. Leggendo questo tutorial si può saper tutto sull'alce.

24

Notizie generali

L'alce è un animale abbastanza grande e dall'aspetto goffo per il suo muso particolarmente lungo e carnoso. La presenza di un lembo di pelle detto "campana", che pende dal collo dell'animale, permette di distinguere il maschio dalla femmina. Il manto è grigiastro durante i mesi invernali, invece assume una colorazione marrone tendente al nero in estate. L'altezza media si aggira intorno ai due metri; il peso varia fra i 400 chili per le femmine e supera i 550 per i maschi. L'alce è munito di grossi zoccoli che vengono utilizzati per raschiare il terreno in cerca di cibo durante l'inverno. Inoltre, essi gli conferiscono stabilità e aderenza su terreni fangosi e dissestati.

34

Alimentazione

durante l'estate essi ingurgitano fino a venti chili di piante e foglie. A causa della conformazione del collo, troppo corto, non possono pascolare per cui si cibano di piante acquatiche, foglie di salice e betulla. Per raggiungere le erbe più basse e per abbeverarsi sono costretti ad inginocchiarsi. In inverno la dieta è più povera; oltre a muschi e licheni che vengono racimolati sotto la coltre di neve essi leccano il sale che viene sparso sulle strade per sciogliere il ghiaccio. Con l'assunzione del sale prendono il sodio, elemento assai carente nella dieta in questo periodo. Questi animali si trovano a proprio agio nell'acqua; infatti, sono degli ottimi nuotatori.

Continua la lettura
44

Accoppiamento

I maschi sono timidi e mansueti, tranne durante la stagione degli accoppiamenti (fra settembre e ottobre). In questo periodo si scontrano a "colpi di palchi" per avere l'attenzione delle femmine e procedere con la procreazione. Le femmine assumono un atteggiamento più aggressivo nel momento in cui devono proteggere la prole. Ogni femmina mette al mondo uno, massimo due cuccioli all'anno. I "piccoli" alla nascita hanno un peso che oscilla fra gli 11 e i 16 chili; essi raggiungono la maturità verso i cinque anni, ma restano con la madre fino al successivo accoppiamento. Gli esemplari di sesso femminile rappresentano un pericolo per l'uomo per cui è opportuno non farsi ingannare dal loro aspetto buffo e pacifico.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

Tutto sull'ornitorinco

La scoperta di un buffo animale che popolava le acque dolci dell'Australia, risale al lontano 1799, quando una strana pelle di animale venne recapitata ad un funzionario del British Museum. Nessuno fino a quel momento aveva mai visto nulla del genere,...
Altri Mammiferi

Tutto sull'orso bianco

L'orso bianco, comunemente noto come orso polare è un mammifero di grandi dimensioni che può arrivare fino a tre metri di altezza con un peso che si aggira intorno ai 500 - 600 kg. Se volete ammirarlo con i vostri occhi dovrete fare un viaggio al Polo...
Altri Mammiferi

Tutto sull'orca marina

L'orca marina, chiamata con il nome originale di "Orcinus Orca" è un mammifero che, abita nelle acque di oceani e mari, come è intuibile facilmente dal suo nome. Questa orca fa parte della famiglia dei Delfinoidi. Trattasi di animali che hanno imponenti...
Altri Mammiferi

Tutto sull'elefante africano

L'Elefante africano è l'animale più grande esistente sulla terra. Rispetto al suo cugino asiatico, quello africano è molto più grande, con i suoi 6 metri di lunghezza e 3 metri di altezza, è senza dubbio il mammifero più grande del pianeta. Si caratterizza...
Altri Mammiferi

Tutto sull'orso bruno

Gli orsi sono tra le specie animali che maggiormente incuriosiscono e attirano l’attenzione degli uomini. Le loro abitudini, i comportamenti e, soprattutto, la loro indole schiva e solitaria rendono questi esseri particolarmente misteriosi e interessanti.Una...
Altri Mammiferi

Come aiutare animali in via d'estinzione

All'interno di questa guida, andremo a parlare di animali. Nello specifico, in questo caso, ci dedicheremo agli animali in via d'estinzione. Cercheremo di rispondere a quest'interrogativo: come si possono aiutare gli animali in via d'estinzione?Un interrogativo...
Altri Mammiferi

Come allenare un cavallo da corsa

Quante volte in tv o dal vivo ci siamo fermati ad ammirare la maestosa potenza muscolare di una delle creature più intelligenti ed eleganti del pianeta come il cavallo? E quante altre ci è capitato di fantasticare sull'opportunità di allenarne uno...
Altri Mammiferi

I 10 mammiferi più rari al mondo

Le specie si estinguono. Si tratta di un fenomeno biologico naturale molto lento che viene compensato dalla comparsa di nuove specie. Ciò permette di mantenere un certo equilibrio nell'ecosistema, garantendo una giusta varietà degli organismi viventi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.