Volpino: come curare la pelliccia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se tra i vostri capi di abbigliamento avete un collo o una pelliccia di volpino, è importante prendersene cura per evitare che si rovini; infatti, si tratta di un capo soggetto a muffa e tarme ed è facilmente deformabile. Per curare in modo adeguato una pelliccia di volpino, ci sono alcuni piccoli ma funzionali interventi di manutenzione, per cui nei passi successivi di questa lista vediamo come eseguirli.

26

Usare della crusca

Un ottimo rimedio per pulire e rinvigorire una pelliccia o un colletto di volpino, consiste nell'usare della crusca. Nello specifico si tratta di riscaldarla nel forno a microonde, e cospargerla ancora calda sui peli strofinando poi con una spazzola pulita. A lavoro ultimato, basta un battipanni per rimuoverla del tutto ed ottenere la pelliccia lucida e pulita.

36

Esporre la pelliccia all'aria aperta

Se non usate molto spesso la pelliccia, il consiglio è di esporla periodicamente all'aria aperta. Tale accorgimento si rende necessario per evitare che vi possano nidificare le tarme, specie se non usate nessun prodotto specifico per prevenirle. In occasione di questa funzionale esposizione all'aria, ne potete approfittare per spruzzare un po' di acqua e bicarbonato di sodio con un nebulizzatore.

Continua la lettura
46

Utilizzare la naftalina

Il vecchio ma sempre funzionale uso della naftalina, ancora oggi è importante per scongiurare che le tarme possano nidificare e deturpare i capi di abbigliamento. Anche per le pellicce, questa sostanza è dunque necessaria da utilizzare, per cui basta inserirla in una bustina di cellophane o in un sacchetto di cotone, e metterla poi a contatto con il collo o la pelliccia di volpino.

56

Avvolgere la pelliccia in un tessuto

Un errore che molte persone commettono, è quello di avvolgere una pelliccia in una busta di cellophane. Tale azione almeno che non si usi molta naftalina, non è consigliabile; infatti, specie se vi è molta umidità si potrebbe generare della muffa. In alternativa conviene avvolgere il colletto o la pelliccia di volpino in un tessuto traspirante, come ad esempio del cotone di colore bianco affinché non stinga. Da evitare sono invece i profumi che potrebbero attrarre degli insetti.

66

Appendere la pelliccia su una gruccia

Un ottimo modo per tenere una pelliccia di volpino sempre con la sua forma originale, è quella di appenderla su una gruccia. In tal modo non si deforma, in quanto si evitano le piegature che poi alla fine danneggiano le fibre sottostanti su cui si ergono i peli. Tale condizione potrebbe tra l'altro far staccare irrimediabilmente gli stessi peli, rendendo poi spoglia ed antiestetica la pelliccia di volpino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come curare gli animali domestici in maniera naturale: i traumi

Spesso e volentieri molti di noi scelgono, fin da piccoli, di accudire in casa degli animali domestici che finiscono con il diventare parte della nostra famiglia, specialmente se per tanti anni rimangono insieme a noi, nel nostro ambiente.Come per le...
Cura dell'Animale

Come curare una dermatite in cani e gatti

Se il cane oppure il gatto si gratta continuamente ed a volte si morde può avere la dermatite. Questo termine generico si riferisce ad un prurito infiammatorio della pelle; la dermatite può essere: cronica o temporanea. Essa è causata dall'ambiente...
Cura dell'Animale

Come curare un coniglio in appartamento

Se avete deciso di ospitare in casa un coniglio, sappiate che questo piccolo e grazioso essere richiede, al pari di tutti gli altri animali domestici, una cura ed un'attenzione continua. Ecco perché ci vorrà un impegno notevole e un'organizzazione della...
Cura dell'Animale

Come riconoscere e curare l'acne felina

Chi possiede un animale domestico sa quanto è importante controllare periodicamente il suo stato di salute, portandolo da un veterinario. Ma per certe malattie o disturbi si può evitare di ricorrere al parere di un esperto, soprattutto se si conosce...
Cura dell'Animale

Come tagliare il pelo del cane

È possibile tagliare il pelo del proprio cane in casa attraverso delle semplici ed utili accortezze. Prendersi cura del manto dell'animale domestico è fondamentale per il suo benessere, soprattutto se si tratta di un pelo lungo e piuttosto impegnativo...
Cura dell'Animale

Come lavare il coniglio

Il coniglio è diventato per molti un piccolo animale domestico, amatissimo sopratutto dai bambini. Per tenere un coniglio in casa dovete seguire degli utili accorgimenti, in quanto è un animale molto delicato e che se trascurato soffre incredibilmente....
Cura dell'Animale

Come occuparsi di un ratto domestico

Avete intenzione di acquistare un ratto domestico? Dovete innanzitutto sapere che esistono molte varietà di ratto con diversi colori della pelliccia e degli occhi. Questi comprendono pelliccia biancha, cannella, blu e colorata con occhi scuri o rosa....
Cura dell'Animale

Come proteggere il furetto dal freddo

Oggi ll furetto è diventato a tutti gli effetti un animale domestico esattamente come il cane o il gatto: questo simpatico mammifero riscuote sempre un gran successo; questo perché è un compagno vivace e molto affettuoso oltre ad essere un animale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.